San Saturnino di Tolosa, martire

s. saturnino

La Passio Saturnini, insieme alla Lettera dei Martiri di Lione, rappresenta il più prezioso documento letterario per la conoscenza delle origini della Chiesa gallicana e della sua evangelizzazione. È stata scritta tra il 420 e il 430.
Secondo la Passio, Saturnino venne a Tolosa sotto il consolato di Decio e Grato, cioè nel 250, quando un decreto imperiale ingiungeva ai cristiani di sacrificare agli idoli. Il suo martirio sarebbe stato occasionato da un tumulto di popolo, adunato sul Capitolium, per un sacrificio, e si colloca alla metà del III secolo.
Saturnino è il primo vescovo della Gallia menzionato dai testi dopo sant’Ireneo. Il culto del santo è attestato all’incirca dal III secolo, e si è esteso fino in Italia (è venerato a Cagliari come patrono). Gregorio di Tours lo indica come patrono di Tolosa. Il nucleo più ricco della sua iconografia rimane in Francia. Dal XII al XVIII secolo non vi fu chiesa della Francia meridionale che non abbia posseduto una sua immagine.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi