Presentazione

«Il Segno», da oltre 55 anni un amico in parrocchia

Fin dalla nascita il mensile della Chiesa ambrosiana, voluto dal cardinale Montini, ha inteso essere strumento di informazione, analisi e interpretazione dell’attualità alla luce del messaggio cristiano

Nel numero estivo la copertina dedicata al nuovo Arcivescovo mons. Delpini

È dedicata a monsignor Mario Delpini la copertina del numero di luglio e agosto de «Il Segno», il mensile della Chiesa ambrosiana, in distribuzione nelle parrocchie a partire da domenica 16 luglio. Una bella immagine sorridente del nuovo Arcivescovo sullo sfondo del Sacro Monte di Varese campeggia sulla cover del numero doppio, che ha posticipato leggermente l’uscita - tradizionalmente programmata per la prima domenica del mese - proprio per documentare la nomina del nuovo Pastore della Diocesi di Milano. Oltre alla copertina, sull’evento sono concentrati l’editoriale del direttore Giuseppe Grampa (un elogio della «normalità» di monsignor Delpini) e il Primo Piano, con un servizio sulla nomina e la biografia del nuovo Arcivescovo, di cui si parlerà approfonditamente anche nei prossimi numeri.

Il servizio centrale della rivista prende invece spunto dalle polemiche che nelle ultime settimane hanno investito le Ong impegnate nell’assistenza e nella prima accoglienza dei profughi che attraversano il Mediterraneo diretti verso le nostre coste. Accuse a cui la Caritas ambrosiana suggerisce di rispondere con i fatti, coniugando spirito di solidarietà e senso di responsabilità: è la posizione espressa dal suo direttore Luciano Gualzetti nella riflessione che apre il servizio. Il sociologo Maurizio Ambrosini entra nel merito degli addebiti mossi alle Ong, mentre Stefano Pasta (Comunità di Sant’Egidio) illustra i «corridoi umanitari» aperti per agevolare l’esodo delle popolazioni da terre teatro di guerre, violenze e miseria, e don Mimmo Zambito (per tre anni parroco a Lampedusa) sottolinea il valore dell’opera solidale messa in campo nell’isola siciliana di cui parla nel suo libro «Accoglienza» (In dialogo). Luisa Bove descrive l’assistenza che la Casa della carità di Milano presta ai profughi che manifestano sofferenze mentali o psichiche a seguito dell’odissea dai loro Paesi verso l’Europa, e don Antonio Giovannini, già prete fidei donum in Albania, invita a non chiudere le porte al mondo in arrivo in casa nostra. A seguire, due storie: quella di Ibrahim e Rotimi, giovani profughi africani accolti nella comunità di Crevenna d’Erba, dove hanno collaborato al restauro di una chiesa; e quella di Kwadzo Klokpah, adottato bambino in un ospedale del Ghana e cresciuto a Dervio (Lecco), dove ha trovato una famiglia, molti amici e la passione per lo sport del kayak, di cui è ora promettente interprete.

Nel numero di Luglio/Agosto

  1 Editoriale

Il nuovo Arcivescovo.  Un uomo normale

di Giuseppe Grampa

 

  4 Primo piano

Delpini nuovo Arcivescovo di Milano

 

  6 In diocesi

Martini, continua la racconta di documenti

di Stefano Femminis

 

Le Quattro giorni comunità educanti secondo lo Spirito

di Antonio Costabile

 

Mons. Carlo Faccendini Abate di Sant’Ambrogio

 

Don Guidi è il nuovo direttore della Fom

di Annamaria Braccini

 

12 Scuola

Con i campus estivi tutti a scuola anche in vacanza

di Stefania Cecchetti

 

I Diari tra progetti e gare

 

16 Storia di copertina

Profughi, alle polemiche risponde la pedagogia dei fatti

di Luciano Gualzetti

 

Ong, perché sono finite nel mirino

di Maurizio Ambrosini

 

Ponti gettati per fuggire via dalle guerre

di Stefano Pasta

 

Lampedusa, il valore di un sorriso

di Mimmo Zambito

 

Quei traumi che nascono durante i viaggi della speranza

di Luisa Bove

 

Non chiudere le porte al mondo che viene in casa nostra

di Antonio Giovannini

 

28 Storie/1

Ibrahim e Rotimi alla scoperta del bello

di Miryam Colombo

 

30  Storie/2

Corre veloce la canoa di Kwadzo

di Carlo Baldini

 

34 Mondialità

Operazione Mato Grosso, un’avventura per i più poveri

di Gerolamo Fazzini

 

Centinaia di famiglie «senza confini»

 

Giulio e padre Daniele, «martiri della carità»

 

38 In famiglia

«Blue whale» solo una bufala?

di Stefania Cecchetti

 

La via dell’amore

di Michela e Luigi Magni e Luciano Andriolo

 

42 Salute

Tumore al polmone, fa ben sperare l’immunoterapia

di Stefania Cecchetti

 

46 Arte e fede

Il segno di Giotto, perduto e ritrovato

di Luca Frigerio

 

50 Cultura

Attorno a Cola dell’Amatrice, patrimonio da cui ripartire

di Luca Frigerio

 

L’ascesa pittorica di Carlo Mattioli

 

Gli occhi di Ratzinger alla ricerca della verità

 

54 Caritas

«Non siete soli», volontari nelle zone terremotate

 

Frutta e verdura sulla tavola delle persone in difficoltà

 

58 Pietre e volti

Linate, grazie alla comunità la fede torna a decollare

di Luisa Bove

 

«Trasmetto la mia gioia ai colleghi»

 

63 Le Micro del mese

Per non perdere «Il Segno» fai l’abbonamento

I vantaggi per l’abbonato:
- un risparmio certo (uno sconto
sul costo complessivo degli 11 numeri)
- avere la certezza di ricevere il giornale direttamente a casa propria
- avere la garanzia di non perderne mai una copia

11 numeri annuali 20 €
(estero 40 €)

c.c. postale n.13563226 intestato a: ITL Srl, via Antonio da Recanate 1
20124 Milano o bonifico bancario - beneficiario: ITL Srl, via Antonio da Recanate 1 – 20124 MI
Iban IT 73 H 0521601631 000000046652 Credito Valtellinese – Agenzia 1 Milano

Inviare ricevuta del versamento con i dati personali per il recapito
al fax 02.66984388
o e-mail abbonamenti@chiesadimilano.it

Chiedilo al tuo parroco

lo puoi trovare nella tua parrocchia la prima domenica del mese
contribuirai al consolidamento della diffusione della buona stampa

I contenuti e la proposta commerciale

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi