Ospiti non solo anziani e persone senza fissa dimora, ma anche disoccupati e famiglie numerose, in cui uno dei due coniugi ha un lavoro precario

di Cristina CONTI

Momento di ritrovo, di solidarietà e di condivisione. Anche nelle mense dei poveri di Milano il pranzo di Natale è un’occasione speciale. Soprattutto in un anno di grande crisi economica. E gli ospiti non saranno solo anziani soli e persone senza fissa dimora, ma anche disoccupati e famiglie numerose, in cui uno dei due coniugi ha un lavoro precario.

Al Centro francescano Maria della Passione (via Ponzio tel. 02.70600763), i festeggiamenti sono stati ieri, sabato 22 dicembre, perché il lunedì è giorno di chiusura e martedì è festivo. «Come menù abbiamo avuto cosce di pollo e di dolce panettone e pandoro. A ogni ospite abbiamo dato anche in regalo un pacchetto natalizio che conteneva un paio di guanti, due saponette una sciarpa e un cappello, mentre per i bambini alcuni giocattoli» spiega suor Rossella.

Al Centro S. Antonio di via Farini (tel. 02.29005985), invece, si festeggerà il giorno della vigilia, perché nei giorni festivi c’è la chiusura, con un menù particolare. L’ingresso è riservato agli ospiti abituali provvisti di una tessera che certifica lo stato di indigenza e l’orario per accedere è dalle 11.20 alle 11.40.

Alla mensa della Casa della Solidarietà della Fondazione dei Fratelli di San Francesco in via Saponaro 40, ci sarà un pranzo di Natale aperto a tutti con piatti della tradizione e panettone. Chiunque lo desideri inoltre può fare il volontario per un giorno. «Stiamo cercando volontari perché pensiamo che quest’anno ci sia un’affluenza maggiore degli altri anni. Magari poi si tratterà di dare solo un sorriso in più, ma anche questo è importante a Natale per creare un momento di compagnia», commenta Silvia Furiosi della Fondazione Fratelli di San Francesco d’Assisi. Chi volesse partecipare come volontario può chiamare il numero 02.62545922 oppure scrivere a info@fratellisanfrancesco.it. Le persone bisognose che vogliono informazioni sui servizi possono rivolgersi invece allo 02.62545933. La mensa aprirà alle 11.30.

Anche all’Opera San Francesco di piazza Concordia (tel. 02.77122400) ci sarà un menù natalizio. «Da noi i numeri sono troppo alti per poter fare altri intrattenimenti. Abbiamo 180 posti e con il turn over riusciamo senza troppe attese a dare da mangiare fino a 3.000 persone tra pranzo e cena», spiega la responsabile, la signora Nava. La mensa è aperta dalle 11.45 alle 14.45 e dalle 18.45 alle 20.45.

Alla mensa “Suore Madre Teresa” di Baggio in viale Forze Armate (tel. 02.4562491), come tutti i giorni festivi, ci sarà la Messa alle 10.30 e il pranzo alle 12.30.

L’Opera Cardinal Ferrari di via Boeri (tel. 02.8467411) come ogni giorno aprirà il centro diurno alle 8 con la prima colazione. Mentre alle 12.30-12.45 il pranzo prevede un menù speciale. «La festa deve essere sottolineata da un ambiente più festoso: senza cedere al consumismo, ma con una voglia di stare insieme diversa. Il pranzo sarà dall’antipasto al dolce e non mancheranno, tra l’altro, patatine, insalata russa, arrosti misti, mezzemaniche e trevisana, verdure saltate in padella, frutta, vino rosso, panettoni e per finire un calice di spumante», spiega Giulio Carloni dell’Opera Cardinal Ferrari. Prodotti regalati da aziende piccole e grandi.

La Mensa della Carità di via Canova (tel. 02.341419) organizzerà un pranzo più elaborato del solito e a tutti verrà offerto un bicchiere di vino.

Anche l’Opera Pane S. Antonio (piazza Velasquez; tel. 02.4877731) prevede un menù ricco, dall’antipasto al dolce. I biglietti per accedere sono in vendita dalle 10 e fino a esaurimento.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi