È l'ex pensionato Sant'Ambrogio a Magenta. Tremila persone complessivamente assistite da Caritas Ambrosiana. Don Davanzo: «Milano sotto pressione. Evitiamo polemiche sulla pelle dei disperati. Lavoriamo con impegno sempre maggiore per gli ultimi»

profughi

Sabato 5 luglio, a Magenta, si aprirà un nuovo centro di accoglienza per fare fronte all’emergenza profughi. La Fondazione della Diocesi di Milano “La Vincenziana” ha messo a disposizione nei giorni scorsi l’ex pensionato Sant’Ambrogio di sua proprietà a Magenta, in via Carlo Casati 52. Caritas Ambrosiana è prontamente intervenuta per allestire opportunamente la struttura e metterla nelle condizioni di essere operativa, facendosi carico dell’investimento economico, insieme con la Cooperativa Intrecci. Il nuovo centro potrà accogliere 100 profughi.

Nel frattempo continua la ricerca di spazi –  presso strutture della diocesi – e soprattutto di persone competenti nel gestire l’accoglienza. All’appello, ultimo in ordine di tempo, ha risposto don Flavio Riva, parroco a Cesano Maderno, che ha offerto l’ex oratorio femminile e un appartamento dove possono essere ospitati 15, 20 profughi. Anche la parrocchia SS. Redentore di Milano (via Pierluigi da Palestrina) ha messo a disposizione una struttura. E altre disponibilità stanno arrivando.

Le strutture per l’accoglienza di siriani

L’ex pensionato Sant’Ambrogio non è l’unica struttura della chiesa milanese attivata per questa emergenza. Si aggiunge infatti a Casa Suraya (100 posti), aperta a maggio in via padre Carlo Salerio 51 a Milano e inaugurata il 20 giugno. In questo caso sono state le Suore della Riparazione, proprietarie della struttura, a offrire i locali a Caritas Ambrosiana ed è stata la Cooperativa Farsi Prossimo con fondi propri a ristrutturare questa porzione di edificio e a gestire quotidianamente l’accoglienza con proprio personale.

Dall’inizio dell’emergenza siriani Caritas Ambrosiana, espressione dell’azione caritativa della Diocesi di Milano, collabora con le Istituzioni. A Milano, la cooperativa di Caritas Ambrosiana Farsi Prossimo, in virtù di una convezione con la Prefettura e il Comune di Milano ha gestito con proprio personale dal mese di ottobre 2013 l’accoglienza prima nel centro di via Novara (100 posti) e poi, quando questa struttura è stata chiusa per essere destinata a altri ospiti, nell’ex scuola comunale di via Fratelli Zoia (quest’ultimo centro è stato recentemente riaperto con 150 posti) e da maggio, appunto, in Casa Suraya.

La gestione dell’emergenza profughi in Diocesi

Fuori Milano, nella Zona Pastorale di Lecco, sono stati messi a disposizione per i profughi 37 posti: 20 in un’ex casa per sacerdoti gestita dalla cooperativa Arcobaleno a Lecco e 17 nel centro missionario Coe a Barzio. Inoltre i volontari Caritas e San Vincenzo forniscono beni e servizi ai profughi collocati dalla Prefettura negli alberghi (28 persone).

Caritas Ambrosiana – come altri soggetti di espressione ecclesiale e laica – inoltre continua a fornire interventi di prima assistenza in questa prolungata emergenza, con raccolte viveri, indumenti e medicinali.

L’accoglienza ordinaria dei profughi

Occorre non dimenticare le emergenze degli anni scorsi che Caritas Ambrosiana continua a gestire, così come l’accoglienza dei profughi di altre nazionalità (pakistani, eritrei, somali, afgani, nigeriani, ivoriani) che continuano ad arrivare sul nostro territorio. Per esempio, attraverso la Cooperativa Farsi Prossimo, vengono gestiti 400 posti nei centri polifunzionali del Comune di Milano, altri 214 del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati costituito dalla rete degli enti locali (69 posti a Milano, 25 nella zona di Lecco, 120 tra le province di Varese e Milano) in case di proprietà della Diocesi.

Don Davanzo: «Niente polemiche sulla pelle dei disperati»

«La pressione di questi giorni per l’ennesimo arrivo in Stazione Centrale di profughi siriani può avere spinto i rappresentanti del Comune di Milano a qualche battuta infelice e fuori luogo – osserva don Roberto Davanzo, direttore di Caritas Ambrosiana -. Evitiamo polemiche sterili e strumentali sulla pelle dei poveri. Riconosciamo che, in questa circostanza, il Comune non è stato sufficientemente supportato dalle Istituzioni centrali: ancora non si vuole riconoscere che i flussi di siriani che si riversano sulla scalo ferroviario milanese sono un’emergenza, e come tale andrebbe trattata da tutti i soggetti istituzionali, predisponendo un sistema di accoglienza che coinvolga un territorio ben più ampio di quello cittadino. Tuttavia, la soluzione non può essere quella di aprire le chiese. Quello è un appello retorico che non porterebbe alcun beneficio ai profughi. Certo in chiesa avrebbero un tetto e poi? I bagni? La mensa? I letti? Le attrezzature? Il personale? I mediatori culturali, operatori, volontari che siano in grado di gestire la situazione? Stiamo facendo molto e faremo ancora di più. Ma non è solo una questione di spazi. L’aspetto più impegnativo è legato alle persone che devono gestire l’accoglienza, quotidianamente, in modo dignitoso. Sono oltre 3 mila i profughi che direttamente e ogni giorno abbiamo assistito in questi tre mesi in strutture nostre e del Comune. La fatica e l’angoscia che leggiamo negli occhi dei siriani che arrivano alla Stazione Centrale ci spingono solo a chinare la testa e a darci da fare. Non è questo il momento della polemica, lavoriamo per trovare soluzioni. E non dimentichiamo che come Caritas e Chiesa siamo attivi per una infinità di situazioni, dai minori, alle prostitute, dai senza fissa dimora agli anziani soli».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi