«[Oggi è difficile] accogliere la dottrina morale sull’esercizio della sessualità, le relazioni di coppia, la paternità e maternità responsabile […] La preparazione al matrimonio è occasione per riproporre in termini positivi e in modo motivante i valori fondamentali della visione etica umana e cristiana» (La preparazione…, parte II, n.8)

L’operatore potrebbe essere tentato di condurre una crociata moralizzatrice, pensando (e dicendo) :

–         È peccato avere rapporti completi prima del matrimonio!
–         Le ragazze oggi sono troppo facili
–         Se hanno già fatto di tutto, non hanno idea della morale!

Oppure potrebbe lasciarsi assalire da un senso di frustrazione e impotenza pensando:

–         Sanno già di tutto e di più, cosa devo insegnare io?
–         Sono grandi e sanno tutto, hanno già fatto le loro scelte
–         Ormai come possiamo riportarli sulla retta via?
–         Sapranno tutto di sesso e avranno forse fatto di tutto, ma forse non sanno che “è cosa buona” e perché

È quindi bene che in equipe ci si confronti su questi temi elaborando un comune modo di sentire e di interloquire, considerando con attenzione anche come interagire con le storie di cui sono portatrici le giovani coppie che abbiamo di fronte.

Su questo tema è utile il seguente intervento di don Paolo Ciotti

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi