Sabato della I settimana di Avvento

Ez 3,22-4,3; Sal 129 (130); Eb 5,1-10; Mt 10,1-6

«Questi sono i Dodici che Gesù inviò, ordinando loro: “Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele”». (Mt 10,5-6)

Gesù chiama a sé i Dodici per affidargli un grande compito, indicare loro la vocazione e per fare questo decide di chiamarli a uno a uno con i loro nomi come fanno i veri amici l’uno con l’altro; la missione è affidata a tutti loro come a voler formare una squadra di cui oggi siamo chiamati a diventare parte attiva e viva. Le parole di Gesù contengono un messaggio molto chiaro e preciso che è quello di iniziare a diffondere il Vangelo non tra i grandi e i potenti ma a partire proprio da quelle “pecore perdute” che sono quelli a cui non pensa nessuno e a cui nessuno si rivolge proprio perché sono considerati gli ultimi. È bello riflettere e pensare al fatto che fin dalla sua nascita Gesù decide di farsi accogliere proprio dai pastori, persone umili che hanno però fin da subito saputo riconoscere la grandezza dell’evento a cui erano stati chiamati a partecipare.

Preghiamo

Tu Dio, che conosci il nome mio
fa’ che ascoltando la tua voce
io ricordi dove porta la mia strada
nella vita, all’incontro con te.

Pierangelo Sequeri, Vocazione

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi