È morto il 20 maggio, aveva 83 anni. Fu anche responsabile del personale laico della Curia arcivescovile. I funerali si svolgeranno venerdì 22 maggio, alle 11, a Busto Arsizio

Colombo E

Mercoledì 20 maggio è morto, a 83 anni, monsignor Enrico Colombo, presidente emerito della Fondazione Sacra Famiglia e presidente della Fondazione Sacra Famiglia dal 1989 al 2011. I funerali saranno celebrati venerdì 22 maggio, alle 11, presso la Basilica di San Giovanni Battista, a Busto Arsizio.

Nato a Busto Arsizio l’11 aprile 1932, laureato in Economia e commercio, è entrato in Seminario a 31 anni dopo aver lavorato come libero professionista. Ordinato sacerdote il 27 giugno 1968, è stato vicario parrocchiale a Seveso (S. Pietro), a Rho (San Vittore), a Milano (Madonna di Fatima) e a Buccinasco (Santa Adele). Dopo alcuni anni di insegnamento presso il Seminario di Seveso, presso la Curia milanese è stato segretario del Consiglio per gli Affari economici della Diocesi e responsabile del personale laico.

Chiamato nel 1989 dal cardinale Carlo Maria Martini alla Presidenza della Fondazione Sacra Famiglia, monsignor Colombo ha seguito in prima persona nel 1997 la sua trasformazione da ente pubblico come Istituzione pubblica di assistenza e beneficenza (Ipab) a Fondazione Onlus e quindi privata.

Una delle opere più imponenti avviate e concluse sotto la sua presidenza riguarda la costruzione, su un’area di 45 mila mq all’interno della sede storica di Cesano Boscone, delle cosiddette Cinque Stelle, vale a dire cinque edifici dalla pianta a forma stellare in grado di ospitare complessivamente 300 persone.

Durante la sua presidenza monsignor Colombo ha dato un forte impulso alla riqualificazione e sviluppo della Sacra Famiglia, aprendo o ristrutturando le varie sedi locali. Nel 1993 ha dato avvio alla grande ristrutturazione della sede di Regoledo di Perledo (Lecco), trasformandola in una moderna struttura che ospita residenze per anziani e disabili. Nel 1999 ha inaugurato la sede completamente ristrutturata di Andora, in provincia di Savona. Nel 2000 ha aperto il centro residenziale per disabili psichici di Fagnano di Gaggiano e il centro diurno Villa Sormani a Cesano Boscone. Nel 2008 ha inaugurato la filiale di Settimo Milanese in grado di accogliere 170 persone, tra anziani e disabili. Nel 2009 ha permesso l’ampliamento della sede di Verbania, che si è così rinnovata, migliorata e specializzata. Nello stesso anno ha aperto la filiale di Inzago, centro che ospita in particolare malati di sclerosi multipla e Sla.

L’opera di monsignor Colombo, caratterizzata sempre da grande passione e generoso impegno, si è concretizzata in molte altre iniziative. Tra queste si segnalano l’istituzione, nel 1991, della Scuola per infermieri professionali e, tra il 2002 e il 2004, la strutturazione del Centro di formazione con il riconoscimento per Sacra Famiglia di ente erogatore dei crediti di Educazione continua in medicina (Ecm). Dal 2005 era anche il Superiore delle Ancelle della Divina Provvidenza di Cesano Boscone.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi