La runner disabile Giusy Versace, i calciatori Tommasi, Peruzzi, Di Biagio e Pecchia testimonial della seconda edizione dei JPII Game

Damiano Tommasi_JP Games 2011
Corsa della Pace da Betlemme a Gerusalemme. Trecento runners tra italiani, palestinesi, israeliani e haitiani stanno correndo questa mattina lungo i 12 km di distanza che separano Betlemme da Gerusalemme passando attraverso il check point, il luogo che segna la divisione tra i due territori. Tra le personalitˆ pubbliche che partecipano in qualitˆ di testimonial e ambasciatori del progetto spiccano la ÒmadrinaÓ della Corsa, la campionessa paralimpica Giusy Versace, ed il gruppo di ex calciatori azzurri protagonisti dellÕeccezionale quadrangolare di calcio a 5 nella spianata del Check Point lo stesso giorno della corsa: Damiano Tommasi, Gigi Di Biagio, Angelo Peruzzi, Fabio Pecchia sfidano - in rappresentanza dellÕAssociazione Italiana Calciatori - un team organizzato dalla Lega Pro e altre due squadre di Israeliani e Palestinesi. Tra i tedofori dÕeccezione anche una delegazione haitiana coordinata da padre Richard Frechette e dalla Fondazione Rava: circa 80 haitiani appartenenti alla Onlus N.P.H. in corsa nel nome della pace, per far sentire la propria voce e la propria richiesta di solidarietˆ anche da Gerusalemme. A conclusione della mattinata gli sportivi ed i pellegrini presenti sottoscriveranno durante la cerimonia di premiazione che si svolgerˆ presso lÕAuditorium del Notre Dame of Jerusalem Center il manifesto sportivo della pace

Dieci chilometri di emozione, entusiasmo e passione tra Betlemme e Gerusalemme, intramezzati da un quadrangolare di calcio a 5 di fronte al muro del check-point: questo, e non solo, è stata la seconda edizione dei JPII Games 2011, i giochi sportivi promossi in Terra Santa, dedicati alla memoria di Giovanni Paolo II e organizzati dall’Opera Romana Pellegrinaggi e dal Centro Sportivo Italiano.

L’ormai tradizionale “Corsa della Pace” è stata aperta dall’accensione della fiaccola per mano della madrina Giusy Versace, runner disabile che sogna le paralimpiadi di Londra2012. Dalla piazza della Natività di Betlemme gli oltre 400 partecipanti, tra cui palestinesi, israeliani, italiani, americani e haitiani, hanno proseguito fino al check-point che segna la divisioni tra il territorio palestinese e quello israeliano. Nella spianata antistante la porta di transito, un gruppo di ex calciatori azzurri ha disputato un emozionante quadrangolare di calcio a 5 contro un team coordinato dalla Lega Pro e altre due squadre di Israeliani e Palestinesi. Il risultato finale, seppur nettamente a favore di Angelo Peruzzi, Damiano Tommasi, Gigi Di Biagio, Fabio Pecchia ed il presidente della Serie B-Win Andrea Abodi, ha perso totalmente di significato di fronte alle strette di mano e alle pacche sulle spalle scambiate tra i vari giocatori in campo, costantemente in conflitto invece nella vita quotidiana.

La corsa è poi ripresa per altri 7 chilometri, caratterizzati dal passaggio della fiaccola tra la delegazione di haitiani coordinata dal medico in prima linea padre Richard Frechette, direttore da 23 anni di NPH Haiti: oltre 120 tra haitiani e volontari della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus, in corsa nel nome della pace, per far sentire la propria voce e la propria richiesta di solidarietà anche da Gerusalemme.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi