Benedetto XVI l’ha ricevuta dal cardinale Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia. Per la Chiesa universale la consegna rappresenta l’avvio del cammino di preparazione all’Incontro di Milano

Al Papa la prima copia delle catechesi preparatorie

Questa mattina Papa Benedetto XVI ha ricevuto dal cardinale Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, la prima copia della pubblicazione delle catechesi preparatorie per il VII Incontro Mondiale delle Famiglie, in programma a Milano dal 30 maggio al 3 giugno 2012 e a cui il Santo Padre stesso sarà presente.
Nel trentesimo anniversario dell’attentato a Papa Wojtyła in piazza San Pietro e della creazione del Pontificio Consiglio per la Famiglia (13 maggio 1981), il Santo Padre ha ricevuto in udienza il cardinale Antonelli insieme ai dirigenti del dicastero vaticano. Due i motivi di questa udienza. Anzitutto il dono al Santo Padre del documento (edito dalla Libreria Editrice Vaticana) La Famiglia: il lavoro e la festa (titolo anche dell’Incontro mondiale di Milano). Con questa udienza il Santo Padre ha voluto così partecipare alle celebrazioni promosse per il XXX anniversario di fondazione del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi sul matrimonio e la famiglia. Nel ricevere la prima copia del volume, Benedetto XVI si è compiaciuto con il cardinale Antonelli per i contenuti delle dieci catechesi, auspicando una doverosa e opportuna preparazione all’Incontro di Milano, al quale la Chiesa intera guarda con gioia e con pastorale interesse.
Le catechesi sono motore dell’incontro e del cammino verso Milano. Articolate in tre gruppi, la famiglia (La famiglia genera la vita, La famiglia vive la prova, La famiglia anima la società), il lavoro (Il lavoro e la festa nella famiglia, Il lavoro risorsa per la famiglia, il lavoro sfida perla famiglia) e la festa (La festa tempo per la famiglia, La festa tempo per il Signore, La festa tempo per la comunità) e introdotte da una catechesi sullo stile della vita familiare (Il segreto di Nazareth), esse vogliono illuminare l’intreccio tra l’esperienza della famiglia e la vita quotidiana nella società e nel mondo

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi