L’accoglienza in vista di Family 2012 “filo rosso” della Festa della famiglia (29 gennaio), della Giornata per la Vita (5 febbraio), della Giornata del Malato (11 febbraio) e della Giornata della Solidarietà (12 febbraio)

Maria Teresa ANTOGNAZZA

famiglie

Tutto ha avuto inizio proprio con queste parole: «Io accolgo te come mia sposa, come mio sposo», pronunciate davanti all’altare il giorno delle nozze. È attorno al tema della famiglia, invitata ad accogliere il mondo, che la diocesi lancia le quattro tradizionali giornate che tra gennaio e febbraio mettono l’attenzione su famiglia, vita, lavoro, solidarietà e mondo della sofferenza.

Uno slogan che attraversa tutta la vita pastorale della nostra Chiesa, in preparazione all’Incontro mondiale delle famiglie, del prossimo mese di maggio, e che vede proprio nel gesto dell’accoglienza la sua parola chiave. «Invitiamo ad accogliere in un duplice senso – spiega Alfonso Colzani, che con la moglie Francesca è responsabile diocesano del Servizio per la famiglia -, per prima cosa, come gesto concreto di aprire le proprie case alle famiglie in arrivo da ogni parte del mondo, per partecipare al Family; ma accogliere significa anche, per chi ne ha la possibilità, mettere in atto tutte quelle forme di volontariato che consentiranno di creare le condizioni per l’ospitalità». C’è però un secondo livello sul quale è giocato lo slogan dell’accoglienza e che sollecita le famiglie a “mettersi al lavoro”: «Non può esserci accoglienza vera e concreta, con il gesto dell’ospitalità, se per primi non si sperimenta questo valore nei rapporti domestici, cioè se non si impara ad accogliersi giorno dopo giorno tra marito e moglie e con i propri figli e familiari».

«Con la scelta di questo tema – aggiunge mons. Eros Monti, Vicario episcopale per la Vita sociale – vogliamo dilatare il valore dell’accoglienza alla dimensione del mondo, accogliendo anche l’appello del Papa alla nostra Chiesa diocesana. Questo significa aprirsi concretamente alle famiglie del mondo che arriveranno e al dialogo interreligioso; mettersi in ascolto di altre culture e modi di vivere diversi dai nostri, con effetti che vadano anche oltre il momento concreto del Family 2012, vivendo poi l’accoglienza in modo quotidiano verso tutti gli stranieri che già vivono in mezzo a noi».

La Festa della famiglia
“Farsi accoglienti per accogliere il mondo” diventa così il messaggio forte al centro della celebrazione tradizionale della festa della famiglia, l’ultima domenica di gennaio.

«Le nostre famiglie – spiegano i due responsabili del Servizio diocesano – saranno chiamate a farsi ospitali sperimentando una pratica profondamente radicata nella Bibbia. L’accoglienza è uno dei temi centrali di tutta la Rivelazione: se nell’animo umano non si apre il movimento dell’accoglienza restiamo sequestrati da noi stessi, ogni relazione vitale con l’altro è perduta e perfino l’atto creativo di Dio va incontro all’inesorabile inutilità. Accogliersi gli uni gli altri diventa vitale per la famiglia che al suo interno tesse relazioni profonde e intime; esse trasformano e danno vita, a patto che siano segnate dalla disponibilità a fare spazio all’altro nel nostro mondo interiore. La famiglia è il primo luogo in cui, nelle varie età della vita, si apprende questo movimento di distacco da sé e dai propri bisogni,  per conoscere la bellezza dell’incontro con l’altro, a partire dall’alleanza coniugale per poi giungere alla relazione con i figli e dei figli tra di loro. Buona premessa perché divenga possibile l’accoglienza nella comunità, nella società e del mondo».

La Giornata per la vita
Solo pochi giorni dopo, il 5 febbraio, la Chiesa invita le comunità credenti a celebrare la XXXIV Giornata per la Vita, con un messaggio che i vescovi hanno dedicato principalmente ai giovani. “Accogliamo la vita, sempre” è lo slogan con cui questo appuntamento viene declinato nella diocesi ambrosiana. Con un movimento di andata e ritorno tra il mondo degli adulti e quello delle nuove generazioni, esso è pensato per mettere in circolo un messaggio positivo di “alleanza con il Dio della vita” che possa innestare nei giovani quella «simpatia per la vita che li renderà capaci di preservarla poi da ogni possibile prevaricazione», spiegano i coniugi Colzani. «Questo significa per gli adulti, anziani compresi, dedicarsi con serietà e determinazione, regolarmente, a una seria e profonda revisione di vita sullo stile dello stare al mondo. Per questo la comunità cristiana potrà prevedere momenti di riflessione e di approfondimento per sostenere gli adulti in questo compito, non così scontato e nemmeno così facile».

Il messaggio dei Vescovi però sembra contenere anche una sfida ulteriore, quella di coinvolgere i giovani, spesso i grandi assenti dalle nostre comunità: «Cogliamo l’occasione perché la veglia per la vita, che sarà celebrata quest’anno nelle singole realtà locali (decanati, parrocchie, unità e comunità pastorali), veda la presenza attiva dei giovani, e perché la giornata per la vita li veda coinvolti in prima persona».

La Giornata della solidarietà e del malato
Anche dal mondo del lavoro viene l’appello a essere famiglie accoglienti. La XXXI Giornata della solidarietà, che si celebra il 12 febbraio, offre lo spunto per coniugare secondo lo stile di vita della solidarietà il tema dell’accoglienza. «Siamo consapevoli – spiegano i responsabili diocesani del Servizio per la pastorale sociale e il lavoro – che la solidarietà è uno stile del cristiano ed emerge nelle scelte concrete di ogni giorno. Crediamo che sia importante trovare anche momenti specifici nei quali richiamare esplicitamente tutti alla solidarietà. Quest’anno proponiamo di concentrare l’attenzione sulla solidarietà in rapporto alle famiglie. Il tutto dentro la grande preparazione all’incontro mondiale delle famiglie».

In questa prospettiva, insieme all’animazione parrocchiale della giornata, vanno collocati i due appuntamenti di studio e di approfondimento: il convegno “Giovani e solidarietà”, organizzato dalla Pastorale sociale e giovanile, in collaborazione con Caritas e Acli, in calendario sabato 18 febbraio al teatro Ringhiera di Milano, dalle 9.30 alle 12.30, in via Boifava 17 a Milano; e il convegno di sabato 17 marzo, sul tema “Il lavoro e la festa per la famiglia”, con un programma ancora in via di definizione.

Famiglia e accoglienza fanno anche da tema unificante per la XX Giornata mondiale del malato, dell’11 febbraio, che quest’anno sarà dedicata alla riflessione su “Accogliere il malato in famiglia!”.                            

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi