Importante anniversario per il servizio di consegna gratuito della spesa, nato da Caritas Ambrosiana e Coop Lombardia. Sabato 1 ottobre convegno a Palazzo Marino

Logo Due mani in più

Franco chiama da anni sempre lo stesso giorno, alla stessa ora e ordina sempre le stesse cose: un litro di latte, una confezione di uova, un barattolo di piselli e tre scatole di tonno. Antonio prende nota automaticamente, ma sa che non è questo che in realtà vuole la persona dall’altra parte del telefono. Così lo fa terminare e poi gli chiede. «Com’è andata questa settimana?». Eccola finalmente la domanda giusta, il punto di svolta che dà il via ad un fiume di parole, confidenze, lamenti. Un torrente che prosegue sul pianerottolo di casa, in cucina, quando sempre Antonio, o un altro per lui, arrivano con il sacchetto della spesa.

“Due mani in più”, il servizio gratuito di consegna della spesa a domicilio per gli anziani, ideato da Caritas Ambrosiana con la Coop Lombardia e realizzato grazie alla collaborazione di cooperative (Consorzio Farsi Prossimo) e associazioni (Auser), compie 10 anni. Un lungo periodo che, come possono testimoniare volontari, operatori e beneficiari, è stato anche un lungo e ininterrotto dialogo. Un dialogo con anziani a volte costretti dagli acciacchi ad un forzoso isolamento, altre volte più semplicemente soli e in cerca più che di un aiuto concreto, di una parola amica, di un gesto di attenzione.

Sottolineerà il grande valore sociale di questo servizio il convegno “Prossimità, operazione, solidarietà. Due mani in più compie 10 anni” organizzato nella Sala Alessi di Palazzo Marino, sabato 1 ottobre alle 9.30. Interverranno: il vicesindaco di Milano Maria Grazia Guida, l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino, il direttore di Caritas Ambrosiana don Roberto Davanzo e il suo predecessore ora direttore della Casa della Carità don Virginio Colmegna. Seguiranno gli interventi di Guido Galardi (presidente di Coop Lombardia), Silvano Ambrosetti (consigliere di amministrazione di Coop Lombardia), Massimo Minelli (presidente del consorzio Farsi Prossimo), Emilio Lunghi (presidente provinciale di Auser), Giovanni Luzzi (coordinatore “Due mani in più” per coop Lombardia). Offrirà un sguardo sul contesto il sociologo Maurizio Ambrosini dell’Università degli Studi di Milano.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi