Durante l’Esposizione universale saranno presentati i risultati della campagna di mobilitazione sulla sicurezza alimentare che Caritas Internationalis lancerà il prossimo anno in vista della scadenza degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

Ieri, nell’ambito del secondo International Participants Meeting di Expo Milano 2015, è stata formalizzata la partecipazione di Caritas all’Esposizione universale in programma nel 2015 sul tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la vita”.

Con l’accordo sottoscritto con i vertici di Expo Milano 2015, Caritas Internationalis si impegna attraverso i suoi partner locali – Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana – a presentare i risultati della campagna di mobilitazione sul diritto al cibo che lancerà il prossimo anno in vista della scadenza degli Obiettivi di sviluppo del Millennio che i leader mondiali dei Paesi aderenti all’Onu si sono impegnati a raggiungere proprio entro il 2015.

Oggi nel mondo circa un miliardo di persone soffre per la fame. L’insicurezza alimentare ha un ovvio impatto sui gruppi sociali vulnerabili e più poveri. Fame e malnutrizione non sono la conseguenza della scarsità di cibo: derivano, piuttosto, da redditi insufficienti, o da un insufficiente accesso alle risorse che permetterebbero ai poveri di produrre o comprare cibo. L’iniqua distribuzione di cibo, terra, acqua e altre risorse produttive è la principale causa di fame e malnutrizione.

Come confederazione della agenzie cattoliche per lo sviluppo, Caritas Internationalis rifiuta di credere che la fame sia un realtà inevitabile, tipica dei Paesi poveri; al contrario, è convinta che l’insicurezza alimentare deve essere affrontata combattendo le cause strutturali attraverso un approccio a lungo termine, principalmente promuovendo lo sviluppo agricolo dei paesi poveri.

Sul campo Caritas è storicamente impegnata per garantire la sicurezza alimentare sia con  interventi di soccorso alle emergenze, sia con programmi di sviluppo volti a aumentare le capacità delle comunità locali di nutrire se stesse, autonomamente e dignitosamente.

Proprio per far crescere la consapevolezza e promuovere cambiamenti politici capaci di affrontare la fame cronica e la malnutrizione nel pianeta, le Caritas nazionali che si riconoscono in Caritas Internationalis stanno pianificando una mobilitazione negli oltre 200 Paesi in cui sono presenti per ricordare ai loro governanti gli impegni che avevano assunto in occasione del Vertice del Millennio convocato dall’Onu nel settembre del 2000, un programma noto come Obiettivi di Sviluppo del Millennio il cui raggiungimento era stato fissato nel 2015. I risultati di questa campagna (foto, video, materiale didattico, dossier) saranno presentati a Milano in occasione dell’Expo. L’intesa sottoscritta prevede l’allestimento di un programma di eventi (seminari, conferenze, mostre) per un minimo di 30 giorni, negli spazi messi a disposizione dall’esposizione durante lo svolgimento dell’evento.

Caritas Internationalis è un organismo della Chiesa cattolica. Riflette la missione sociale della Chiesa e promuove i valori di dignità, giustizia e gestione responsabile del creato. Aderiscono all’organismo 164 Caritas nazionali. I suoi membri operano in oltre 200 Paesi e territori. Inoltre Caritas Internationalis è un partner riconosciuto dalle agenzie delle Nazioni Unite.Caritas Ambrosiana aderisce a Caritas Internationalis e opera all’estero seguendo le linee programmatica della confederazione in accordo con Caritas Italiana.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi