Milano, 5 ottobre 2005

La domenica da vivere come “Giorno del Signore” ètra i temi che hanno caratterizzato la attività pastorale della Chiesa Italiana e della Diocesi di Milano durante questo anno 2005.

In relazione a questo tema, con l’obiettivo di evidenziarne il significato nella tradizione cristiana, il servizio per l’Ecumenismo e il Dialogo dell’Arcidiocesi di Milano , in collaborazione con l’ Azione Cattolica di Milano, per v enerdì 7 ottobre alle ore 18.30 , presso il Centro Diocesano di Via S. Antonio 5, Milano, propongono un incontro di approfondimento con Enzo Bianchi priore del monastero di Bose, autore del volume “Vivere la domenica” .
Nello stesso incontro il Dott. Fabio Pizzul, presidente dell’Azione Cattolica diocesana presenterà il documento dell’A. C. “Il giorno del Signore: un dono per l’uomo”. In questo documento si contesta la deriva della domenica come momento “in cui concedersi i lussi che nel resto della settimana non sono consentiti”.
“Icona della domenica consumata possono essere i centri commerciali, vissuti come veri e propri templi dove consumare il proprio tempo festivo e, magari, anche qualche risparmio”.
Rispetto alla domenica come “consumo” andrebbe recuperata la domenica come “festa”, cioè come riscoperta della bellezza delle relazioni personali, familiari e sociali, come uno stare insieme arricchente che ci fa scoprire meno soli e capaci di offrire qualcosa di buono a chi ci vive accanto.
Primaria è la riscoperta della dimensione religiosa della domenica che ha al centro l’Eucaristia.
E’ l’Eucaristia che rende e chiama la domenica ad essere “giorno dell’ascolto, della celebrazione, della carità”.
Il testo completo del documento si trova sul sito www.azionecattolicamilano.it.

don Gianni Zappa
Responsabile Ufficio Com. Sociali

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi