Il 31 agosto alle 19.30 il documentario sarà proiettato in anteprima all'Auditorium San Fedele e il 6 settembre alle 21.30 in tv su “Rai Storia”, per la serie “Italiani”. Si va dai primi passi da Arcivescovo di Milano fino a Gerusalemme dove si ritirò per dedicarsi allo studio della Bibbia

Martini Giordano

«Per una parte di italiani, per una parte di cattolici, di ferventi cattolici, quel gesuita, biblista, grande studioso, cardinale di Milano e pastore di Milano in uno dei momenti più difficili della storia del Paese, alla fine del ’900, la stagione di Mani Pulite, i tormenti di quella che era stata definita la capitale morale del nostro Paese, Martini fu il punto di riferimento, non solo della città, ma in qualche modo dell’Italia intera». Con queste parole Paolo Mieli introduce il documentario «Carlo Maria Martini profeta del Novecento», di Antonia Pillosio e Giuseppe Sangiorgi, per la serie «Italiani», in onda martedì 6 settembre alle 21.30 su Rai Storia.

Il documentario è arricchito da interviste a persone che l’hanno conosciuto nella Diocesi di Milano come mons. Giovanni Giudici, Vicario generale dal 1991 al 2002; mons. Roberto Busti, suo portavoce dal 1981 al 1991; Silvia Landra della Casa della Carità e padre Guido Bertagna. Altri spunti biografici inediti sono suggeriti da Ferruccio De Bortoli, dalla professoressa Maria Cristina Bartolomei e dai suoi familiari oltre che da immagini, fotografie provenienti dall’Archivio della Fondazione Carlo Maria Martini e della famiglia Martini. Il tutto è letto attraverso i contributi video delle Teche Rai.

Il film parte dai primi passi del cardinale Martini come arcivescovo di Milano, la Diocesi più grande del mondo, fino ad arrivare a Gerusalemme dove si ritira alla fine del suo ministero pastorale per dedicarsi allo studio della Bibbia. Martini, profeta del Novecento, anticipa in anni lontani i temi di frontiera della Chiesa del nuovo millennio. «Il motto del cardinale Martini era Pro veritate adversa diligere – afferma padre Carlo Casalone, presidente della Fondazione Carlo Maria Martini, che ha collaborato alla realizzazione della puntata – cioè affermare la verità anche quando non torna a proprio vantaggio… Ma il motto indica anche come l’ascolto profondo e attento delle ragioni di chi appare in prima battuta avversario sia determinante nella ricerca della verità, di cui il dialogo è quindi parte costitutiva».

Ma prima del Martini pastore, c’è il Martini gesuita e teologo: il racconto della sua vita torna indietro agli anni del Concilio Vaticano II, con le parole di padre Bartolomeo Sorge, e al periodo del suo rettorato al Pontificio Istituto Biblico, con padre Pietro Bovati: «Padre Martini veniva considerato nel mondo cattolico il grande esperto della critica testuale del Nuovo Testamento… Aveva nei confronti della Bibbia un rapporto di intimità. Non si tratta semplicemente di un settore delle scienze sacre, che lui ha coltivato in tanti anni della sua vita: la Bibbia era per lui, come diceva il Concilio, l’anima… era necessario per lui che questa parola ispirasse la vita, diventasse davvero un messaggio profetico che mette in cammino gli uomini».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi