Si tratta di una cooperativa sociale che offre opportunità di inserimento lavorativo a persone svantaggiate o in difficoltà. Saranno presenti monsignor Merisi e don Davanzo

Il castello di Peschiera Borromeo

Venerdì 28 ottobre, alle 16, Alboran inaugura la nuova sede operativa di via Toti 6 a Peschiera Borromeo. Saranno presenti monsignor Giuseppe Merisi (vescovo di Lodi e presidente di Caritas Italiana) e don Roberto Davanzo (direttore di Caritas Ambrosiana) oltre a diverse autorità locali, rappresentanti del mondo della cooperazione e del volontariato.

Alboran è una cooperativa sociale fondata nel 1994, che offre opportunità di inserimento lavorativo a persone svantaggiate (disabili, pazienti psichiatrici, detenuti, minori a rischio di emarginazione…) o che attraversano particolari momenti di difficoltà. Gestisce diverse tipologie di servizi rivolti ad aziende private e a enti pubblici: assemblaggi manuali e cartotecnici, magazzinaggio, logistica, spedizioni, pulizie, custodia, servizi bibliotecari, gestione archivi, data-entry. Nella sede di Cassano d’Adda è inoltre attivo un settore Ambientale che realizza e coordina progetti volti alla valorizzazione e alla tutela dell’ambiente, allo sviluppo culturale e di un turismo consapevole.

Il Settore dei Servizi alle Imprese, presente sul territorio di Peschiera da oltre 15 anni, è il motore trainante della Cooperativa in termini di fatturato e numero di percorsi di inserimento accolti (oltre 60 in totale, il 30% dei quali fruiti da cittadini residenti a Peschiera).

Il trasferimento presso la nuova struttura di Via Toti n. 6 si inserisce all’interno di un programma di consolidamento e maggiore presenza territoriale. Dice il presidente Edgardo Galletta: «Tra le molte collaborazioni attive all’interno della rete dei Servizi – tra le quali il Servizio Occupazione Disabili della Provincia di Milano, l’Afol e diversi Servizi Sociali Comunali – voglio ricordare la recente collaborazione avviata con il Centro di Ascolto Caritas di Peschiera Borromeo. I contatti con il Centro di Ascolto sono nati dall’idea di poter offrire a persone a rischio di emarginazione una risposta di tipo assistenziale integrata a un percorso occupazionale, primo e indispensabile passo verso l’emancipazione e l’autonomia della persona».

«Cercare di coniugare i valori di inclusione, cooperazione e tutela ambientale è stata una scelta concretizzata anche durante i lavori di ristrutturazione della nuova sede di Via Toti, dove è stato installato un impianto di produzione energetica solare, realizzato da una Cooperativa Sociale che a sua volta occupa soggetti svantaggiati. La nostra Cooperativa prova sempre a far quadrare il cerchio, e ogni tanto ci riesce…» conclude Galletta.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi