Sono gli “indignati propositivi” che prenderanno parte alla marcia “in 3D” nell’ambito della campagna del Pime “Cambio la vita”. Sarà ricordato anche padre Tentorio

Pime_Marcia 3D

Sono 4000 gli studenti delle scuole superiori di Milano e provincia che venerdì 21 ottobre marceranno in città per affermare il loro impegno personale e chiedere alle istituzioni azioni concrete contro la fame nel mondo. L’evento, inserito nell’opera di sensibilizzazione del Pontificio Istituto Missioni Estere in vista di Expo 2015, vedrà partire gli studenti dall’Arco della Pace per poi arrivare alla sede del Pime in via Mosè Bianchi (che quest’anno festeggia il cinquantesimo anniversario). Qui gli studenti parteciperanno a 11 workshop di approfondimento sul tema della fame del mondo e sui maggiori temi di attualità.

«Lo scopo – spiega padre Piero Masolo, del Pime – è poter fornire agli studenti che partecipano le informazioni necessarie sulle problematiche relative alla fame nel mondo e poter così dare loro gli strumenti adatti per poter arrivare a soluzioni da proporre in occasione dell’Expo 2015».

La Marcia è definita in 3D (tre dimensioni) per sottolineare l’importanza di invogliare i giovani a conoscere e approfondire la realtà in modo da saperla “leggere” e raccontare a se stessi e agli altri (DIRE), scegliendo in prima persona come renderla migliore a beneficio di tutti (DARE), attraverso un impegno responsabile e continuo nel tempo (DURARE). «Il 3D – continua padre Masolo – permette di dare profondità alle cose che vediamo, perciò “guardare 3D” vuol dire osservare la realtà in profondità e non fermarsi alla prima impressione, vuol dire entrare dentro la realtà osservata».

La marcia, dai fini culturali, vedrà anche la partecipazione del gruppo Comici Associati. Grazie a quest’ultimo, comici di area Zelig come Diego Parassole e Leonardo Manera interverranno alla marcia e si esibiranno all’Arco della Pace in attesa della partenza del corteo.

«Con questa marcia – conclude padre Masolo – il Pime vuole anche ricordare padre Fausto Tentorio, missionario dell’Istituto ucciso lunedì 17 ottobre nelle Filippine. Da 33 anni impegnato nella difesa delle terre e dei diritti dei tribali, padre Fausto lavorava anche per il diritto all’istruzione dei ragazzi della tribù Manobo in Arakan Valley (isola di Mindanao, nel sud delle Filippine). Un uomo che contro la fame ha cambiato la vita fino addirittura a darla».

Info: www.cambiolavita.it/workshop.html

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi