È l'appuntamento che dà avvio più compiutamente alla fase progettuale del percorso «Oratorio 2020 - Quali oratori per fare oratorio». Dopo le relazioni fondative, ampio spazio al laboratorio sulla progettazione. Previste due sessioni alternative. Iscrizioni aperte. Presente l'Arcivescovo.


assemblea_oratori_web

Non possiamo permetterci di stare fermi a guardare da spettatori. Il cambiamento ci spinge a creare e a progettare.

L’Assemblea degli oratori del prossimo sabato 9 novembre all’Oratorio San Giuseppe di Brugherio (via Italia 68) sarà un «punto di svolta» del percorso «Oratorio 2020 – Quali oratori per fare oratorio».

Ci raduneremo insieme per condividere linee, metodi, tempi e modalità per scrivere un nuovo progetto educativo in ciascun oratorio della nostra Diocesi.

Nello stile del «camminare insieme», chiamiamo all’appello i responsabili e coordinatori degli oratori e tutti quelli che, con loro, lavoreranno per la progettazione educativa dei propri oratori (religiose, giovani, adulti, educatori, allenatori, volontari). Invitati speciali i delegati (dai 18 anni in su) che hanno partecipato all’Assemblea di Bollate.


Non ci spaventa il termine «progetto». Lo crediamo fattibile e soprattutto indispensabile. Progettare è molto di più di una «tecnica», è un’occasione di Chiesa, per mettersi in ascolto reciproco e imparare a guardare il futuro con speranza, agendo e intervenendo su tutto quanto possiamo, perché la cura della comunità verso le giovani generazioni sia una costante e un segno di fedeltà, per oggi e per domani.

 

Per permettere la partecipazione di tutti gli oratori sono previste
due sessioni alternative con il medesimo programma,
una al mattino e una al pomeriggio.


 

Programma delle due sessioni

ore 8.30 / ore 14.00 Accoglienza presso il teatro. 

ore 9.00 / ore 14.30 Preghiera iniziale presieduta dal Vescovo.

ore 9.15 / ore 14.45 Linee progettuali per l’oratorio del futuro.
                                   Don Michele Falabretti,
                                   Responsabile del Servizio Nazionale di Pastorale giovanile.

ore 9.45 / ore 15.15 Scrivere il nuovo progetto educativo,
                                   riferimenti, metodo, partecipazione.
                                   Don Stefano Guidi
                                   Direttore della Fondazione Oratori Milanesi.

ore 10.30 / ore 16.00 Laboratorio di progettazione educativa.
                                      Proposta di tempistiche e modalità per la stesura e la consegna
                                      del progetto educativo.

ore 12.00 / ore 17.30 Aperitivo / Merenda.

Interverranno S.E. Mons. Mario Delpini, Arcivescovo di Milano, S.E. Mons. Franco Agnesi, Vicario generale, Don Mario Antonelli, Vicario episcopale e Presidente della Fom.

 

 

Segnalate la vostra partecipazione alla sessione scelta,
compilando i seguenti moduli online.

Sessione del mattino (ore 8.30 – ore 12.30)
modulo di iscrizione

Sessione del pomeriggio (ore 14.00 – ore 18.00)
modulo di iscrizione

 

 

Lo svolgimento dell’Assemblea di Brugherio

L’Assemblea degli oratori del 9 novembre sarà aperta dalla preghiera, presieduta alternativamente dall’Arcivescovo di Milano e dal Vicario generale.
Daremo spazio a due interventi fondativi, utili per dare il quadro di riferimento per la scrittura del nuovo progetto educativo dell’oratorio.
Sarà presente don Michele Falabretti, Responsabile del Servizio nazionale di pastorale giovanile, che ci aiuterà a declinare le linee progettuali per la PG italiana nel contesto di ciascuno dei nostri oratori.
La parola passerà a don Stefano Guidi, Direttore della Fom, che traccerà l’orizzonte comune sul quale gli oratori potranno costruire il progetto. Indicherà le attenzioni da avere e qual è il quadro valoriale su cui confrontarsi. Inoltre, richiamerà la questione dei soggetti coinvolti nella responsabilità pastorale ed educativa in oratorio.
Nell’ottica del «camminare insieme», emergerà che, a sviluppare le direttrici tracciate e ad individuare i passi in avanti da compiere, sarà ciascun oratorio, rispondendo a priorità e bisogni.
Verrà suggerita una tempistica, che darà la scansione dei lavori da svolgere in oratorio, verso la consegna del prossimo settembre 2020, e sarà detta una parola circa i soggetti che potranno attivamente partecipare alla stesura di tutto il progetto.
La seconda parte dell’Assemblea degli oratori sarà tutta dedicata ai laboratori. Sarà dato un ampio spazio ai lavori di gruppo che saranno guidati da alcuni facilitatori.
Scopo dei laboratori sarà quello di “simulare” i processi da realizzare per la scrittura del progetto educativo, individuando le fasi di attuazione, le analisi delle problematiche, le risorse da mettere in atto per giungere all’obiettivo.
Cercheremo di essere molto concreti, lasciando ai partecipanti il materiale utile per tornare in oratorio e mettersi subito all’opera.

 

 

Ad un mese dall’Assemblea:
invito e creatività

Sarà molto utile procedere ad individuare le persone che per ciascun oratorio parteciperanno alla prossima Assemblea degli oratori e procedere al più presto alle iscrizioni attraverso i moduli online (cfr. sopra). Come detto, si potrà partecipare alternativamente o alla sessione del mattino o a quella del pomeriggio.

Chi potrà partecipare all’Assemblea degli oratori di Brugherio?
Tutti coloro che poi potranno contribuire alla stesura del progetto educativo del proprio oratorio, in una o più fasi della sua attuazione. Non solo dunque il gruppo che materialmente scriverà le «parole», ma chi sarà chiamato ad analizzare la realtà del proprio oratorio o chi potrà dare suggerimenti, grazie al confronto in “tavoli di lavoro” o chi potrà contribuire, con la sua preparazione e la sua esperienza, a volgere uno sguardo sulla realtà e uno sguardo in avanti, verso il prossimo futuro.
Invitiamo all’Assemblea soprattutto i giovani educatori (possibilmente maggiorenni), le religiose e i presbiteri, i membri dei consigli dell’oratorio, i volontari, gli educatori professionali, coloro che in oratorio hanno qualche responsabilità, giovani e adulti. Il progetto sarà scritto secondo le risorse che ciascun oratorio metterà in campo, sarà quindi elaborato «su misura» rispetto a quanto l’oratorio potrà investire. Avrà comunque le caratteristiche di novità e innovazione che ogni progetto porta con sé, con quelle spinte in avanti che tengono conto della realtà e tracciano il cammino.

Intanto, se non è stato ancora fatto, si tratta di mettere in atto la fase del CREARE, quella suggerita dal fascicolo CREARE E PROGETTARE (disponibile presso la libreria Il Cortile o in vendita online cliccando qui).

L’attuazione di questa fase creativa, con la scelta degli ambiti nei quali compiere passi in avanti, mette in movimento tutto l’oratorio, sul percorso Oratorio 2020, così come è suggerito anche dalla proposta ORA CORRI.

Inoltre, seguire le indicazioni di CREARE e PROGETTARE può contribuire a rinnovare il confronto sui risultati della scorsa Assemblea di Bollate e a comprendere come le sintesi dei lavori della Fase 1, quella vissuta nello scorso anno pastorale, possano essere utilissimi spunti e punti chiave per l’elaborazione attuale del progetto educativo.

 

Per ogni tipo di chiarimento, invitiamo a scrivere a oratorio2020@diocesi.milano.it

Ti potrebbero interessare anche: