In occasione del 250° anniversario della nascita di Giovanni Simone Mayr, l'oratorio "Sisara" in programma nella chiesa di San Giacomo Maggiore e nella basilica di San Nicolò

Marta Fumagalli

La 28° Rassegna Internazionale Capolavori di Musica Religiosa prosegue ai primi di ottobre. Giovedì 3 ottobre alle 21, a Crema, nella chiesa di San Giacomo Maggiore, in occasione del 250° anniversario della nascita di Giovanni Simone Mayr (Mendorf 1763-Bergamo1845), sarà eseguito l’Oratorio Sisara".

Ne saranno protagonisti i solisti Marta Fumagalli mezzosoprano, Sisara, e tre soprani, Gabriella Locatelli Serio, nella parte di Jahel, Antonella Matarazzo, Debora, Abra e Dina, e Caterina Iora, Barak, Thamar ed Elcana;  il Coro Giovanile Sweet Suite della Scuola di Musica C. Monteverdi  di Crema e il Vocis Musicae Studium di Oggiono; l’orchestra Ettore Pozzoli di Seregno e il direttore Giancarlo Buccino.

Lo stesso Oratorio “Sisara” sarà replicato venerdì 4 ottobre alle 21, a Lecco, nella Basilica di San Nicolò, con lo stesso organico. «Per i compositori del tardo ‘700 – ha spiegato PierAngelo Pelucchi, Direttore Artistico di Harmonia Gentium – era comune impratichirsi sulla forma oratoriale prima di affrontare le difficoltà dell’opera scenica. Anche Mayr si sottomise a questa prassi e, quando nel 1794 giunse al Teatro La Fenice di Venezia con la sua prima opera “Saffo”, già si era creato una invidiabile reputazione nell’ambiente culturale veneziano. Il giovane maestro bavarese di nascita, successivamente naturalizzato italiano, si inserì presto nell’ambiente prestigioso dei conservatori veneziani, in particolare in quello “Dei Mendicanti”, celebre per la qualità del coro e dell’orchestra.  Per questa istituzione scrisse cinque dei dieci oratori che egli compose tra il 1791 ed il 1830, le cui partiture sono conservate nel Fondo Mayr della biblioteca Civica di Bergamo».

«L’Oratorio Sisara – ha proseguito Pelucchi – è suddiviso in due parti , su poesia latina di  Giuseppe Maria Foppa, e prende spunto dal IV e V capitolo del libro dei Giudici, nei quali una giovane donna, Jahel, sconfigge con l’astuzia il generale cananeo Sisara. Un episodio che ricorda quello di Davide e Golia ed esprime il trionfo del Bene sul Male».

L’Oratorio “Sisara” può essere considerato il più riuscito fra gli oratori Mayriani del periodo veneziano, e l’autore, memore del grande successo suscitato dalla sua apparizione nel 1783, non mancò di riproporlo a Bergamo. Tutti gli oratori composti per il Conservatorio dei Mendicanti furono ideati tenendo presente un organico di sole voci femminili, e di un’orchestra assai varia, ma ridotta nel numero dei strumentisti.

Questi concerti vengono eseguiti grazie al contributo della Deutsche Bank e di altri sponsor ed hanno ottenuto il Patrocinio di: Regione Lombardia, Provincia di Lecco, Comune di Lecco Provincia di Cremona e Comune di Crema e Assessorato alla Cultura. L’ingresso ai concerti è libero e gratuito. 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi