Si parte con “Shrek”, per proseguire poi con “Titanic”, “Rapunzel” e “Anastasia”

di Ylenia SPINELLI

Danilo Brugia, protagonista di “Titanic”

Con la popolarità acquisita dalle commedie musicali della gloriosa ditta Garinei&Giovannini, di cui la Compagnia della Rancia di Saverio Marconi è una degli eredi, e con l’importazione di spettacoli di origine anglosassone rivisitati in chiave nostrana, i musical sono diventati parte integrante dell’intrattenimento degli italiani. Anche a Milano, nonostante la crisi, l’offerta, specie per le famiglie, non manca. I personaggi delle fiabe o i beniamini del cinema prendono carne e ossa e salgono sul palcoscenico per emozionare e divertire. Soprattutto al Teatro Nuovo.

È il caso di Shrek, l’orco protagonista della pellicola DreamWorks vincitrice dell’Oscar 2002 come miglior film di animazione, che dal 9 ottobre all’11 novembre prenderà casa al Nuovo di Milano. A inaugurare la stagione sarà infatti Shrek. The Musical, uno spettacolo che, dopo i successi di New York, Londra e Parigi, sbarca finalmente in Italia nella produzione diretta da Ned Grujic e Claudio Insegno. Un family show con orchestra dal vivo che ripropone in modo originale i personaggi della storia di William Steig: oltre al protagonista (Nicolas Tenerani), non mancheranno il fido Ciuchino (Emiliano Geppetti), la principessa Fiona (Alice Mistroni) e il perfido Lord Farquaad (Piero Di Blasio), che coinvolgeranno il pubblico in una storia romantica e divertente.

Sempre al Nuovo, per il centenario della leggenda della nave da crociera più famosa al mondo, dal 27 novembre al 9 dicembre debutta in Italia il musical Titanic. Il racconto di un sogno, con la regia di Federico Bellone. Il protagonista è Danilo Brugia, che ha raggiunto la popolarità con la fiction di Raiuno Rossella e che a teatro dovrà far dimenticare Leonardo Di Caprio, protagonista del’omonimo film del 1997, campione di incassi nella storia del cinema. «La trama è quella del disastro della nave – spiega Brugia -, resa in modo molto più teatrale rispetto al film. Anche il mio personaggio, Francesco Ferrari, pur essendo un umile ragazzo molto simile caratterialmente a quello interpretato da Di Caprio, ha tratti diversi, a partire dal fatto che non è un pittore, ma un assistente mago…». Il musical avrà cambi di scena e costumi di impatto, effetti speciali e numeri di illusionismo, oltre all’indimenticabile motivo Playing love del maestro Ennio Morricone.

Da una fiaba dei fratelli Grimm, portata sul grande schermo dalla Disney, è tratto il musical Rapunzel (dal 4 al 6 gennaio), con la regia di Maurizio Colombi, lo stesso di Peter Pan e Heidi, spettacoli che nelle passate stagioni hanno riscosso tanto successo.

Amore, intrighi, magia e tanta comicità sono invece gli ingredienti che fanno da cornice a un altro cartoon trasformato in musical,Anastasia (dal 29 al 31 marzo), che racconta le avventure della figlia più giovane dello zar, scomparsa nel nulla durante la rivoluzione russa.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi