Redazione

Cinque continenti coinvolti, 78 partite, 24 Nazionali e 10 città: si partirà da Milano (al Mediolanum Forum) il 24 settembre e si chiuderà con la finalissima di Roma il 10 ottobre, passando per Ancona, Catania, Firenze, Modena, Reggio Calabria, Torino, Trieste e Verona. Questo il programma dei campionati del mondo maschili di pallavolo, giunti alla XVII edizione e ospitati in Italia per la seconda volta (la prima fu nel 1978).
«Giocare il Mondiale in casa è chiaramente una grandissima occasione – così presenta il torneo il presidente federale Carlo Magri -. Per la nostra Nazionale, ma soprattutto per tutto il Paese. L’Italia ha tutto quello che serve per offrire al mondo un avvenimento unico. L’obiettivo è anche quello di rafforzare il nostro movimento. La pallavolo è uno sport praticato da un numero impressionante di italiani e ha nella spinta inesauribile dei giovani la vera forza e il vero motore. A esclusione del calcio, i nostri campionati giovanili sono tra i più numerosi in Italia e i nostri Comitati regionali e provinciali, coordinati con il Settore Scuola e Promozione, stanno portando avanti un lavoro capillare. I nostri tesserati crescono di anno in anno, soprattutto tra le ragazze».
L’evento – celebrato da Poste Italiane con l’emissione di un francobollo – è stato presentato nei giorni scorsi presso la sede della Regione Lombardia, con gli interventi, oltre che di Magri, del presidente Roberto Formigoni e dell’assessore allo Sport e Giovani Monica Rizzi. La Lombardia è tra le regioni che vantano il maggior numero di appassionati (quasi un milione, il 16% del totale in Italia) e di tesserati (75 mila, pari al 23%): presenti 24 mila squadre, 9000 dirigenti e ben 900 società sportive. La Lombardia ospiterà anche gli Europei femminili del 2011 e i Mondiali femminili del 2014.
Nel corso della conferenza stampa sono stati premiati i ragazzi che hanno vinto i concorsi – promossi dal Comitato Organizzatore Locale per promuovere la pratica della pallavolo – “La Pallavolo, un mondiale di colori” (scuole primarie), “Let’s play volleyball – Dai vita al tuo mondiale” (per gli istituti secondari di primo grado) e “Con-Net-Ing People, il mondiale che unisce” (per le scuole secondarie di secondo grado). Cinque continenti coinvolti, 78 partite, 24 Nazionali e 10 città: si partirà da Milano (al Mediolanum Forum) il 24 settembre e si chiuderà con la finalissima di Roma il 10 ottobre, passando per Ancona, Catania, Firenze, Modena, Reggio Calabria, Torino, Trieste e Verona. Questo il programma dei campionati del mondo maschili di pallavolo, giunti alla XVII edizione e ospitati in Italia per la seconda volta (la prima fu nel 1978).«Giocare il Mondiale in casa è chiaramente una grandissima occasione – così presenta il torneo il presidente federale Carlo Magri -. Per la nostra Nazionale, ma soprattutto per tutto il Paese. L’Italia ha tutto quello che serve per offrire al mondo un avvenimento unico. L’obiettivo è anche quello di rafforzare il nostro movimento. La pallavolo è uno sport praticato da un numero impressionante di italiani e ha nella spinta inesauribile dei giovani la vera forza e il vero motore. A esclusione del calcio, i nostri campionati giovanili sono tra i più numerosi in Italia e i nostri Comitati regionali e provinciali, coordinati con il Settore Scuola e Promozione, stanno portando avanti un lavoro capillare. I nostri tesserati crescono di anno in anno, soprattutto tra le ragazze».L’evento – celebrato da Poste Italiane con l’emissione di un francobollo – è stato presentato nei giorni scorsi presso la sede della Regione Lombardia, con gli interventi, oltre che di Magri, del presidente Roberto Formigoni e dell’assessore allo Sport e Giovani Monica Rizzi. La Lombardia è tra le regioni che vantano il maggior numero di appassionati (quasi un milione, il 16% del totale in Italia) e di tesserati (75 mila, pari al 23%): presenti 24 mila squadre, 9000 dirigenti e ben 900 società sportive. La Lombardia ospiterà anche gli Europei femminili del 2011 e i Mondiali femminili del 2014.Nel corso della conferenza stampa sono stati premiati i ragazzi che hanno vinto i concorsi – promossi dal Comitato Organizzatore Locale per promuovere la pratica della pallavolo – “La Pallavolo, un mondiale di colori” (scuole primarie), “Let’s play volleyball – Dai vita al tuo mondiale” (per gli istituti secondari di primo grado) e “Con-Net-Ing People, il mondiale che unisce” (per le scuole secondarie di secondo grado).

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi