Al Garda Village il secondo fine settimana della manifestazione promossa dal Csi Lombardia. La lezione di grinta e sportività offerta dai ragazzi diversamente abili

di Filippo BISLERI

Polisportivo

Un vero successo, con l’emozione di vedere tanti giovanissimi delle categorie Under 10, Under 12 e Under 14 cantare l’inno nazionale. Stiamo parlando del secondo fine settimana della Festa Polisportiva del Csi Lombardia, disputatasi con campo base al Garda Village di Sirmione. Dalle terme di Sirmione, poi, il Csi Lombardia si sposterà a quelle di Darfo Boario per le finali regionali.
La manifestazione, giocosa e coloratissima, si è aperta ufficialmente venerdì 29 aprile con una serata in stile “campionati nazionali”, con tanto di giuramento, inno del Csi e nazionale per i 150 dell’Italia unita. Ragazzine e ragazzini – poi premiati anche da una pagina di Avvenire che domenica 1 maggio ha raccontato la loro Festa – si sono confrontati quindi sui campi di atletica e nel triathlon prima di passare ai campi di calcio (per le cui gare si è fatto ricorso anche al centro sportivo di Veronello, in Veneto) e alle palestre di pallavolo.
Tanti colori e anche un bellissimo gesto. valso un mega uovo di Pasqua vinto dal Calcinato, un cui dirigente, visto il fallo e il danno cagionato da un suo giocatore a un avversario, ha detto al suo ragazzo: «Resta fuori anche tu e aiutalo a riprendersi». Gesto che non è passato inosservato all’arbitro e che è piaciuto molto sia al presidente regionale Giuseppe Valori, sia al presidente nazionale Massimo Achini, presente nella giornata di sabato per assistere al triathlon e quindi, a Veronello, ad alcune partite di calcio «che vedo – ha detto – al riparo dai commenti del “cugino” milanista don Alessio Albertini».
La pioggia ha avversato la serata degli stand gastronomici dei Comitati, ma i ragazzi hanno dimostrato di divertirsi comunque e di aver trovato, nell’animazione musicale della serata, quello che desideravano. Da segnalare, poi, che domenica 1 maggio, al Garda Village, si è svolto il doppio triangolare di calcio a 5 per diversamente abili. Questi ragazzi, ancora una volta, hanno dimostrato di aver molto da insegnare a tanti “professionisti” della pedata. Sia per la loro grinta, sia per la loro sportività. E anche quando un ragazzo riteneva che i compagni non lo servissero adeguatamente, non mancava poi di scusarsi prontamente con l’arbitro. Il tutto senza una parolaccia!
A chiudere la manifestazione, la messa celebrata domenica 1 maggio dal consulente ecclesiastico regionale don Basilio Mascetti, e le premiazioni, che hanno anche lanciato la consultazione on-line per migliorare ulteriormente il Polisportivo.
«Credo che questi due fine settimana di Polisportivo – ha commentato Giuseppe Valori – dimostrino come lo sport all’ombra del campanile sia vivo, colorato e meriti il sostegno delle istituzioni, con le quali speriamo di incontrarci presto per garantire a questi ragazzi la possibilità di proseguire nelle attività sportive senza chiedere alle famiglie ulteriori contributi. I loro sorrisi, le loro gioie, le loro fatiche di queste giornate ci spingono a riproporre la Festa anche nel 2012. Ma speriamo che per loro arrivino anche le giuste e meritate attenzioni del mondo politico… Il Csi, per parte sua, non smetterà di impegnarsi per l’educazione attraverso lo sport».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi