Rievocazione dell’approvazione della Costituzione da parte dell’Assemblea Costituente

di Gianfranco GARANCINI

firma-costituzione
Il primo Presidente della Repubblica Enrico De Nicola firma la Costituzione italiana il 27 dicembre 1947, alla presenza di Alcide De Gasperi (il primo a sinistra) e di Umberto Terracini (ultimo a destra).

Nel pomeriggio del 22 dicembre 1947 l’Assemblea Costituente approvò il testo della Costituzione repubblicana. Presenti e votanti 515; maggioranza 258; voti favorevoli 453; voti contrari 62. Il capo provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, avvisato del voto da Umberto Terracini, presidente dell’Assemblea, così concluse il suo messaggio di ringraziamento, vergato alle 18,30: «Il mio pensiero si rivolge… all’Italia nostra, amata e martoriata, che dalle sventure sofferte e dai sacrifizi affrontati saprà trarre ancora una volta, nella concordia degli intenti e delle opere dei suoi figli, le energie necessarie per il suo sicuro avvenire, offrendo al mondo un nuovo esempio di eroiche virtù civili e un nuovo incitamento al progresso sociale». Parole? Forse, ma non vuote di lavoro e di storia, anche recente. (segue)

Cliccando sul link in basso a sinistra il testo completo in .pdf di Gianfranco Garancini

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi