"Welfare ambrosiano, futuro cercasi" è il titolo della XVIII edizione della ricerca curata dalla Fondazione Ambrosianeum, che sarà presentata in sede con gli interventi di Tito Boeri, Vincenzo Cesareo, Marco Garzonio, Giuseppe Guzzetti e Rosangela Lodigiani


Redazione

Lunedì 5 luglio, alle 10.30, a Milano, presso la Sala Falck nella sede della Fondazione culturale Ambrosianeum (via delle Ore 3) si terrà la presentazione della XVIII edizione del Rapporto sulla città. Milano 2010, dal titolo “Welfare ambrosiano, futuro cercasi”. Interverranno Tito Boeri, Vincenzo Cesareo, Marco Garzonio, Giuseppe Guzzetti, Rosangela Lodigiani. Il rapporto, edito da Franco Angeli, è pubblicato dall’Ambrosianeum grazie al contributo della Fondazione Cariplo.
«Milano vive l’impatto della crisi sulle famiglie, sulle condizioni di vita, sull’economia, sull’occupazione. Una situazione dura e difficile, che la città condivide con il Paese e con il resto del mondo occidentale – è scritto nella presentazione del Rapporto -. Di fronte a fenomeni recessivi e all’inquietudine diffusa, la realtà urbana rappresenta oggi forse più che in passato il luogo in cui si misura la capacità della collettività di costruire coesione sociale, creare benessere, gestire le derive prodotte da vulnerabilità, disuguaglianze, esclusione. Il welfare locale è chiamato a trovare risposte adeguate, ma la stessa possibilità di una cittadinanza attiva e la conseguente tenuta democratica sono sottoposte a prove. Una sfida, dunque, ma anche l’opportunità per Milano di dimostrare una capacità progettuale che mette al centro, assieme alla competitività economica, la sua qualità sociale e “umana”. Il Rapporto 2010 offre una riflessione a più voci sui bisogni che si delineano nell’emergenza e sulle scelte che si dovranno compiere per il futuro della città. Emergono tra luci e ombre i capisaldi di un welfare ambrosiano forte della vocazione solidaristica e partecipata e altresì del suo carattere “plurale”, e tuttavia non privo di contraddizioni e vuoti da colmare». Lunedì 5 luglio, alle 10.30, a Milano, presso la Sala Falck nella sede della Fondazione culturale Ambrosianeum (via delle Ore 3) si terrà la presentazione della XVIII edizione del Rapporto sulla città. Milano 2010, dal titolo “Welfare ambrosiano, futuro cercasi”. Interverranno Tito Boeri, Vincenzo Cesareo, Marco Garzonio, Giuseppe Guzzetti, Rosangela Lodigiani. Il rapporto, edito da Franco Angeli, è pubblicato dall’Ambrosianeum grazie al contributo della Fondazione Cariplo.«Milano vive l’impatto della crisi sulle famiglie, sulle condizioni di vita, sull’economia, sull’occupazione. Una situazione dura e difficile, che la città condivide con il Paese e con il resto del mondo occidentale – è scritto nella presentazione del Rapporto -. Di fronte a fenomeni recessivi e all’inquietudine diffusa, la realtà urbana rappresenta oggi forse più che in passato il luogo in cui si misura la capacità della collettività di costruire coesione sociale, creare benessere, gestire le derive prodotte da vulnerabilità, disuguaglianze, esclusione. Il welfare locale è chiamato a trovare risposte adeguate, ma la stessa possibilità di una cittadinanza attiva e la conseguente tenuta democratica sono sottoposte a prove. Una sfida, dunque, ma anche l’opportunità per Milano di dimostrare una capacità progettuale che mette al centro, assieme alla competitività economica, la sua qualità sociale e “umana”. Il Rapporto 2010 offre una riflessione a più voci sui bisogni che si delineano nell’emergenza e sulle scelte che si dovranno compiere per il futuro della città. Emergono tra luci e ombre i capisaldi di un welfare ambrosiano forte della vocazione solidaristica e partecipata e altresì del suo carattere “plurale”, e tuttavia non privo di contraddizioni e vuoti da colmare».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi