L'appartamento offerto in comodato gratuito da Carlo Castagna sarà gestito dalla Caritas ed entrerà a far parte di una rete di appartamenti sociali. Volontari e un educatore aiuteranno gli ospiti in un percorso di progressiva autonomia. L'intervento è stato reso possibile da un contributo della Fondazione Cariplo -


Redazione

La casa di Erba – dove esattamente quattro anni fa furono uccisi i familiari di Carlo Castagna – ospiterà una famiglia in difficoltà. Domani, durante la messa di suffragio delle 8 nella chiesa prepositurale di Santa Maria Nascente, al momento dell’offertorio le chiavi dell’appartamento saranno consegnate da Castagna stesso al parroco don Giovanni Afker e al responsabile della Caritas della zona di Lecco, don Ettore Dubini.
La casa offerta in comodato gratuito da Castagna alla comunità ecclesiale entrerà a far parte di una rete di appartamenti sociali presenti nella città di Erba che la Caritas, insieme alle parrocchie e alle associazioni locali, gestisce per offrire ospitalità a persone e famiglie in difficoltà segnalate dai servizi sociali dei comuni del territorio erbese. La rete è composta da quattro monolocali per la prima emergenza, tre appartamenti gestiti dall’associazione “Mani aperte” per l’accoglienza in regime di comunità e un appartamento per permanenze di medio periodo.
In particolare nella casa della famiglia Castagna sarà ospitata una famiglia che attraversa un periodo di momentanea difficoltà abitativa. Nella casa, la famiglia potrà rimanere per un periodo di sei mesi, prorogabile per altri sei. Gli ospiti potranno contare anche sulla solidarietà e l’accompagnamento di un gruppo di volontari e di un educatore in un percorso di progressiva autonomia.
«Siamo lieti che la casa della tragedia di Erba, come venne chiamata in tutta Italia, ora diventi la casa dell’accoglienza ed entri a far parte di quegli interventi a favore dei poveri che tutta la comunità erbese non da oggi è stata capace di esprimere – dichiara don Ettore Dubini -. Un luogo di morte e di dolore diventerà un luogo di speranza e solidarietà, restituendo agli erbesi l’immagine corretta di una comunità capace anche di gesti di solidarietà, come quelli del signor Castagna».
Il progetto è stato realizzato col sostegno di Fondazione Cariplo . Il contributo di 75 mila euro è stato, in parte utilizzato per arredare la casa, in parte per sostenere le spese di gestione per almeno un anno (le utenze, le bollette, ma pure le rette dell’asilo, nel caso ce ne sia bisogno, insomma tutto quello che può essere utile a far crescere bene l’iniziativa). La Fondazione si è inoltre impegnata a proseguire lo start up – come si dice in gergo – anche oltre il primo anno per il periodo che sarà necessario affinché questo progetto, voluto dal signor Castagna, diventi davvero realtà. La casa di Erba – dove esattamente quattro anni fa furono uccisi i familiari di Carlo Castagna – ospiterà una famiglia in difficoltà. Domani, durante la messa di suffragio delle 8 nella chiesa prepositurale di Santa Maria Nascente, al momento dell’offertorio le chiavi dell’appartamento saranno consegnate da Castagna stesso al parroco don Giovanni Afker e al responsabile della Caritas della zona di Lecco, don Ettore Dubini.La casa offerta in comodato gratuito da Castagna alla comunità ecclesiale entrerà a far parte di una rete di appartamenti sociali presenti nella città di Erba che la Caritas, insieme alle parrocchie e alle associazioni locali, gestisce per offrire ospitalità a persone e famiglie in difficoltà segnalate dai servizi sociali dei comuni del territorio erbese. La rete è composta da quattro monolocali per la prima emergenza, tre appartamenti gestiti dall’associazione “Mani aperte” per l’accoglienza in regime di comunità e un appartamento per permanenze di medio periodo.In particolare nella casa della famiglia Castagna sarà ospitata una famiglia che attraversa un periodo di momentanea difficoltà abitativa. Nella casa, la famiglia potrà rimanere per un periodo di sei mesi, prorogabile per altri sei. Gli ospiti potranno contare anche sulla solidarietà e l’accompagnamento di un gruppo di volontari e di un educatore in un percorso di progressiva autonomia.«Siamo lieti che la casa della tragedia di Erba, come venne chiamata in tutta Italia, ora diventi la casa dell’accoglienza ed entri a far parte di quegli interventi a favore dei poveri che tutta la comunità erbese non da oggi è stata capace di esprimere – dichiara don Ettore Dubini -. Un luogo di morte e di dolore diventerà un luogo di speranza e solidarietà, restituendo agli erbesi l’immagine corretta di una comunità capace anche di gesti di solidarietà, come quelli del signor Castagna».Il progetto è stato realizzato col sostegno di Fondazione Cariplo . Il contributo di 75 mila euro è stato, in parte utilizzato per arredare la casa, in parte per sostenere le spese di gestione per almeno un anno (le utenze, le bollette, ma pure le rette dell’asilo, nel caso ce ne sia bisogno, insomma tutto quello che può essere utile a far crescere bene l’iniziativa). La Fondazione si è inoltre impegnata a proseguire lo start up – come si dice in gergo – anche oltre il primo anno per il periodo che sarà necessario affinché questo progetto, voluto dal signor Castagna, diventi davvero realtà.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi