Sommario sommario sommarietto sommario sommarietto sommario sommarietto sommario sommarietto sommario


Redazione

Tre giorni per festeggiare i primi quattro anni di vita della Casa della Carità (via Brambilla 10, Milano).
Venerdì 21 novembre, alle 12.30, “La Casa della carità e gli anziani del quartiere”, un invito a pranzo per la terza età di Crescenzago (prenotazioni tel. 02.25935318); alle 18 “Una Casa che fa cultura”, con la presentazione delle attività dell’Accademica della Carità e la firma della convenzione della Biblioteca del confine e il Centro orientamento studi africani. Segue aperitivo con musica dall’Africa.
Sabato 22, alle 9, in via Trasimeno, “Una casa per il quartiere”, raccolta di firme per la qualità della vita a Crescenzago; alle 14 “Una casa per i bambini”, festa dedicata ai più piccoli del quartiere con l’associazione Parada di Miloud; alle 18 in via Padova 276 inaugurazione dello spazio di incontro “Terre ospitali”, a cura dell’associazione Amici della Casa della Carità; alle 21 Il baccalà non teme lo straniero, spettacolo teatrale a cura dell’associazione Identità plurali (prenotazioni allo 02.25935318).
Domenica 23, alle, 10 nella cappella un momento di riflessione; alle 11 all’Auditorium la Messa concelebrata da monsignor Luigi Testore, Vicario episcopale della Carità; alle 12.30 “Ospito anch’io”, pranzo degli Amici con gli ospiti della Casa (prenotazioni allo 02.25935318); alle 15 “Una casa in festa”, con giochi a premi; alle 20 festa con musica e danze.
Oggi la Casa della Carità ospita 93 persone: 53 uomini, 23 donne e 17 minori. Dal 2004 a oggi sono 1066, di cui 259 0-18 anni; 343 19-30 anni; 306 31-45 anni; 121 46-60 anni; 21 61-75 anni e 4 con oltre 75 anni.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi