Dopo il successo del 2016, dal 19 gennaio al 3 maggio prosegue il ciclo di appuntamenti promossi dalle due Fondazioni e curati da Marco Garzonio e Giorgio Lambertenghi Deliliers

salute medicina

I progressi della scienza e della tecnologia e i nuovi interrogativi etico-sociali che ne conseguono: dopo il grande successo del 2016, il ciclo di incontri sulla medicina organizzato da Fondazione Ambrosianeum e Fondazione Matarelli prosegue nel 2017 affrontando altre questioni nodali dell’universo-sanità. 

Nei quattro incontri in calendario dal 19 gennaio al 3 maggio 2017 si parlerà rispettivamente di organismi geneticamente modificati, di “buona medicina” e di conseguente necessità di ascolto del paziente da parte del medico, di sofferenza e possibilità di intervento correlate alla depressione, e infine dei problemi di isolamento delle persone con disabilità visiva.

Gli incontri si terranno alla Fondazione Ambrosianeum (via delle Ore 3, Milano) a ingresso libero. Ecco il programma.

19 gennaio, ore 17.30: «Gli organismi geneticamente modificati (ogm) fanno male? (Un dibattito d’attualità)», con Patrizia Toia (deputata al parlamento Europeo, capodelegazione del Pd), Elena Cattaneo (senatrice a vita, direttore del Laboratorio di Biologia delle Cellule Staminali e Farmacologia delle malattie neurovegetative, Università degli Studi di Milano), Dario Frisio (presidente del Comitato di Direzione della Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari, Università degli Studi di Milano).

15 febbraio, ore 17.30: «La buona medicina (Quando il malato racconta, il medico deve ascoltare)», introduce Alberto Scanni (membro del Consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano), intervengono Giorgio Cosmacini (professore di Storia della Medicina, Università Vita-Salute S. Raffaele, Milano), Vittorino Andreoli (psichiatra e scrittore) e Roberto Satolli (medico e giornalista, fondatore dell’editoria scientifica Zadig).

22 marzo, ore 17.30: «La depressione: in cerca di una definizione (Tra tristezza e malinconia)», con Cristina Toni (psichiatra, CM Visconti di Modrone, Milano; Ist.Sup.di Scienze del Comportamento De Lisio, Pisa), Marco Garzonio (psicologo analista, psicoterapeuta) e Salvatore Natoli (prof. ord. di Filosofia Teoretica, Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Milano Bicocca).

3 maggio, ore 17.30: «Il visibile e l’invisibile del mondo (Quando un cieco insegna a vedere)», con Fulvio Bergamini (direttore dell’Unità Operativa di Oculistica Istituto Auxologico Italiano, Milano), Rodolfo Masto (presidente Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Sez.provinciale di Milano onlus), Giovanni Fossati (presidente Lions-Servizio Cani guida Limbiate-Mi) e Dario Cornati (docente di Antropologia e Teologia fondamentale, Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale).

Informazioni: Segreteria Fondazione Culturale Ambrosianeum (via delle Ore 3, Milano – tel. 02.86464053 / 02.86464053; 339.1363491; www.ambrosianeum.org; info@ambrosianeum.org)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi