Realizzato dai panificatori volontari di “Pane in Piazza” in occasione della mostra open air “WePlanet, 100 globi per un futuro sostenibile” e poi andrà all'asta. Il ricavato andrà a sostegno delle attività solidali dei religiosi nel mondo.

Il globo di Pane in Piazza

A Milano, in piazza San Carlo, fino al 7 novembre, in occasione della mostra open air “100 Globi per un futuro sostenibile”, si potrà ammirare anche il Globo di pane realizzato  da Cesare Marinoni con l’aiuto della sig.ra Laura Gioacchini e della storica panificatrice meneghina Milena Pizzocchero, già protagonisti di “Pane in Piazza”, la grande manifestazione benefica dei Frati Cappuccini missionari di piazzale Cimitero Maggiore 5, che si tiene in Piazza Duomo e che si spera possa riaprire presto i battenti.

La sfera di pane misura 1,70 mt di diametro. I pani, plasmati con farina e lievito, rappresentano i prodotti tipici delle 20 Regioni italiane e sono stati donati da oltre 300 dei fornai che hanno aderito alle ultime edizioni di “Pane in Piazza”. Fra questi: Luca Piantanida di Coggiola (Biella), Nicola Ciarcia di Avellino, Pasquale Esposito di Napoli, Paolo D’Amici di Latina e Pina Mazzara di Trapani.

Il Globo è stato già esposto accanto all’altare maggiore del Duomo, durante la Giornata Mondiale dell’Alimentazione del 16 ottobre 2020, nella Basilica di Sant’Eustorgio per portare un messaggio di pace e speranza in occasione dell’Epifania 2021 e sempre quest’anno a Pasqua in Piazza del Duomo.

Al termine dell’evento WePlanet, tutte le installazioni verranno selezionate da un comitato artistico e battute a un’asta benefica organizzata da Sotheby’s per raccogliere fondi a favore dell’ambiente e del settore sanitario della città meneghina.

In particolare la Charity Action dell’installazione artistica di “Pane in Piazza” vedrà devolvere i fondi a favore delle attività missionarie dei Cappuccini di piazzale Cimitero Maggiore.

“Pane in piazza”, evento nato molti anni fa per iniziativa del padre di Cesare Marinoni, Antonio, ormai “mitico” presidente dei panificatori, che ha rappresentato anche a livello internazionale, nella recente edizione dei Cappuccini Missionari di Milano ha lo scopo di raccogliere offerte per la costruzione di un panificio industriale in Etiopia, a Dire Dawa, nella diocesi di Harar, dove manca il lavoro e c’è povertà. Grazie alle donazioni, è già stato attivato un piccolo forno che permette di distribuire pane in diverse istituzioni locali dedicate a orfani e indigenti e dove si tengono corsi di arte bianca per preparare futuri artigiani.

Per sponsorizzare “Pane in Piazza”: marinoni@marinoni.com
Per donare: https://www.missioni.org/come-aiutarci/ specificando la causale Panificio Harar.
Info: www.missioni.org; www.weplanet.org

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi