Lo rivela uno studio della Camera di Commercio di Milano. Il primato al capoluogo lombardo con 18 mila unità; poi Brescia, Bergamo e Varese. Alloggi e ristorazione i settori più apprezzati dai viaggiatori stranieri

di Cristina CONTI

Turisti Duomo Milano

Crescono le imprese turistiche in Lombardia. Un aumento dell’1,7% in un anno, con un incremento 1600 posti di lavoro. A dirlo è un’elaborazione del Servizio Studi della Camera di Commercio di Milano su dati Info Camere 2013.

In cima alla classifica per maggior numero di nuove attività c’è il capoluogo lombardo con 18 mila unità: a trainare sono soprattutto gli alloggi (+5,1%) e la ristorazione (+3,5%). Seguono Brescia (con ottomila imprese), Bergamo (con seimila), Varese (quattromila), Como, Monza e Pavia con oltre tremila. A determinare questi risultati sono stati soprattutto i viaggiatori stranieri, che in tutta la regione nel 2012 hanno toccato quota 21 milioni su un totale nazionale di 97, di cui 7 milioni a Milano, 5 a Varese, 4 a Como e 2 a Brescia.

Il numero dei lavoratori coinvolti è più alto sotto la Madonnina, con 119.667 addetti; al secondo posto Brescia con 30.387 e poi Bergamo con 23.060. Operatori impegnati prevalentemente in alberghi e agriturismi, ristoranti e bar, tour operator e agenzie di viaggio. Tra loro i giovani aumentano del 3,5%, gli immigrati del 13,2 e le donne dello 0,5.

Un settore destinato a crescere anche in futuro, in vista dell’Esposizione Universale del 2015. Per questo è nata "Explora", una società incaricata di gestire il sistema integrato del turismo. La sua missione è raccogliere l’offerta sul territorio, a partire da quello milanese fino a coinvolgere tutto il resto del Paese, per promuoverlo presso i grandi tour operator mondiali.

Arte, cultura, enogastronomia, bellezze naturali verranno proposte ai turisti in offerte di soggiorno lunghe e articolate, per apprezzare ogni aspetto del nostro Paese. «La prospettiva è quella di fare in modo che l’esposizione lasci in eredità non solo una nuova e importante dotazione tecnologica e infrastrutturale, ma anche una nuova identità della città, legata ai modi di vivere e all’organizzazione dei servizi – ha spiegato Remo Eder, consigliere della Camera di Commercio di Milano – in cui il turismo, a partire da quello d’affari, ha un ruolo centrale grazie all’indotto significativo che produce». Un nuovo strumento, insomma, per giocare un ruolo di primo piano nel network di città globali a cui Milano appartiene.

L’iniziativa vedrà la partecipazione di Unioncamere Lombardia, Camera di Commercio di Milano, Regione Lombardia ed Expo 2015 Spa.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi