Mostra di fotografie allestita in collaborazione con Galleria L’Affiche

ritratti-in-carcere-7-278
Ritratti in carcere

Liberare i volti. Portarli in giro per la città. Strapparli a un “dietro le sbarre” di durata variabile sino al “fine pena mai”, portando gli sguardi delle persone carcerate a incrociarsi – non solo in fotografia – con quelli degli uomini liberi. E questo mischiando le carte, inquadrando insieme chi la condanna l’ha subita e chi in qualche modo s’incarica di umanizzarla, cioè i volontari che operano in carcere e che sono – in quanto uomini e soggetti fotografici – del tutto indistinguibili da chi sta pagando il suo debito con la giustizia.

Continua il suo viaggio inteso a rivelare ciò che “normalmente” non si vede, Margherita Lazzati. E questa volta cerca, sempre con l’aiuto della sua Leica, di far conoscere – sottraendola all’indifferenza – l’umanità nascosta nella casa di reclusione di Milano-Opera.

La mostra “Ritratti in carcere”, allestita dalla Galleria L’Affiche, è ospitata dalla Fondazione Ambrosianeum di Milano (via delle Ore 3) dal 15 al 29 marzo. Presenta 30 ritratti fotografici – di persone recluse e volontari – realizzati tra l’estate del 2016 e gli inizi del 2017 (con l’autorizzazione del Ministero della Giustizia e grazie alla lungimiranza dell’allora direttore Giacinto Siciliano) nei locali del Laboratorio di Lettura e Scrittura creativa di Opera, cui la stessa Lazzati da anni collabora.

L’inaugurazione della rassegna si terrà mercoledì 14 marzo, alle 18. Oltre a Margherita Lazzati intervengono Marco Garzonio (presidente Ambrosianeum), Adriano Propersi (vicepresidente Ambrosianeum), Giacinto SICILIANO (direttore Carcere San Vittore), alcuni poeti detenuti ed ex detenuti ritratti.

«Ho frequentato tutti i sabati per oltre cinque anni il laboratorio di scrittura creativa del carcere di massima sicurezza di Opera, cercando in tutti i modi di uscire dalla logica del reportage per entrare nell’idea del ritratto, una dimensione nella quale luce, spazio, sfondo, tempo, relazioni, appartengono a una realtà definita e non modificabile – racconta l’autrice -. Volevo non raccontare, ma fermare un’apparenza fisica, un aspetto, una figura, una sembianza, un atteggiamento, un portamento, senza retorica e senza l’ambizione di andare oltre o cercare di cogliere l’anima. Potrei dire che forse, quando si lavora stretti, anche questa è una forma di rispetto».

Margherita Lazzati continua dunque a dar conto di ciò che è nascosto, o perché precluso alla vista, come già accadde nel 2017 con la rassegna “Sguardi”, dedicata agli ospiti della Sacra Famiglia di Cesano Boscone, e nel 2015 con la mostra “Visibili. inVisibili. reportage”, entrambe presentate con grande successo in Ambrosianeum.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi