Questo l’appello di Papa Francesco, «ferito e angosciato» da quanto sta accadendo nel Paese medio-orientale: «Chiedo a tutte le comunità di organizzare qualche atto liturgico secondo questa intenzione»

Papa Francesco
12/06/2013 Città del Vaticano, piazza San Pietro, udienza generale del mercoledì , nella foto papa Francesco

«Ho deciso di indire per tutta la Chiesa il 7 settembre una giornata di digiuno per la pace in Siria e nel mondo. Dalle 19 alle 24 ci riuniremo in preghiera e in spirito di penitenza per invocare questo dono di Dio. L’umanità ha bisogno di vedere gesti di pace». Questo l’appello contro ogni iniziativa militare – perché la «guerra chiama guerra» e la «violenza chiama violenza» – che Papa Francesco ha lanciato nel corso dell’Angelus di ieri, specificando: «Chiedo a tutte le comunità di organizzare qualche atto liturgico secondo questa intenzione. Vi aspetto il prossimo sabato alle 19».

«Il mio cuore è profondamente ferito da quello che sta accadendo in particolare in Siria e angosciato da quello che si prospetta – ha aggiunto il Pontefice -. Questo è un appello che nasce dall’intimo di me stesso. Quanta sofferenza e devastazione porta l’uso delle armi in quel martoriato Paese, specialmente tra la popolazione civile e inerme. Pensiamo a quanti bambini non potranno vedere la luce!».

«Con fermezza condanno l’uso delle armi chimiche – ha sottolineato il Santo Padre -. C’è un giudizio di Dio e della storia sulle nostre azioni a cui non si può sfuggire. Esorto la comunità internazionale a iniziative basate sul dialogo e sul negoziato. Non sia risparmiato alcuno sforzo per portare assistenza a chi è colpito da questo conflitto».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi