Il film di Virzì commentato da Delpini: «L’arte di trasfigurare la situazione
in occasione è un altro modo per dire che “il campo è il mondo”»

Campo Totle Delpini

Con la proiezione de La città ideale, di Luigi Lo Cascio, si conclude oggi l’iniziativa “Campo totale”, svoltasi in queste sere presso il Cortile della Curia arcivescovile (piazza Fontana 2, Milano), a cura della Diocesi di Milano, di Acec (Associazione cattolica esercenti cinema) di Milano e Itl Cinema. Il ciclo è partito mercoledì con Io e te, di Bernardo Bertolucci – con l’introduzione di Giulio Martini e gli interventi di monsignor Pierantonio Tremolada, Vicario episcopale per la Pastorale giovanile, e della dottoressa Stefania Perduca, psicoterapeuta – ed è proseguito ieri sera con la visione di Tutti i santi giorni, di Paolo Virzì. Oltre a Carlo Caspani, sono intervenuti monsignor Mario Delpini, Vicario generale della Diocesi di Milano, e Aldo Bonomi, sociologo, direttore Aaster.

«Da questo film si può trarre spunto per considerare come si possa vivere una situazione che mortifica il desiderio in modo che diventi l’occasione per una felicità possibile – ha commentato il Vicario generale -. E la risposta è da cercare nella relazione amorevole che unisce i protagonisti e che li fa maturare come persone capaci di relazioni adulte e riconciliate». È questa, per Delpini, l’«arte di trasfigurare la situazione in occasione» che «è un altro modo per dire che “il campo è il mondo”, cioè che il cristiano interpreta la sua vita non come un destino ma come una missione – ha concluso il Vicario generale – e il suo rapporto con il mondo non come una situazione che condiziona, ma come un campo che chiede l’esercizio di una adulta, fiduciosa, intelligente responsabilità».

La proposta di “Campo totale” mediante tre testi cinematografici, gli interventi dei più stretti collaboratori dell’Arcivescovo e le testimonianze di protagonisti dei diversi ambiti “del mondo” esplorato da ogni film proiettato, vuole evidenziare appunto manifestazioni della realtà, invocazioni di senso, elementi di speranza che investono i temi della vita delle persone e delle comunità oggi. I tre film sono scelti non in ragione di particolari esemplarità ma in quanto testi emblematici a proposito del modo di vivere, intendere e raccontare alcuni significativi temi dell’esistenza quotidiana. Sono testi, quindi, sui quali lavorare per leggere la società e le relazioni all’avvio dell’anno pastorale “Il campo è il mondo. Vie da percorrere incontro all’umano”.

In questa iniziativa, e nella riflessione che ne consegue, sono coinvolte soprattutto le “Sale della comunità”, la cui proposta culturale mediante il linguaggio artistico e grazie alla vitalità, lo stile e la missione della comunità cristiana locale è occasione – offerta a tutti – di incontro, condivisione, approfondimento. Nelle tre serate di “Campo totale” in Curia, tra l’altro, il servizio di accoglienza è curato proprio dalle “Sale della comunità”, “San Luigi” di Concorezzo, “Excelsior” di Cesano Maderno, “Argentia” di Gorgonzola.

Questa sera La città ideale sarà presentato da Claudio Villa, con gli interventi di monsignor Luca Bressan, vicario episcopale per la Vita sociale della Diocesi di Milano, e di Stefano Corbetta, Giudice sezione penale del Tribunale di Milano.

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti, con registrazione obbligatoria su www.chiesadimilano.it/comunicazionisociali o tel. 02.8556240.
Apertura ore 20.15. Inizio ore 20.45. In caso di pioggia la proiezione si effettuerà nella sala interna e – per ragioni di capienza – verranno ammessi i primi 100 iscritti.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi