Redazione

La croce della Gmg quest’anno ha festeggiato i 21 anni. Durante il giubileo della Redenzione nel 1984, Giovanni Paolo II l’ha affidata per la prima volta ai giovani perchè fosse portata nel mondo. Un simbolo fondamentale della fede a cui guardare. «Portatela nel mondo come segno dell’amore del Signore Gesù per l’umanità», aveva detto in quell’occasione. «Annunciate a tutti che non vi è salvezza e redenzione che nella Croce di Cristo morto e risuscitato».

«La Croce della Giornata mondiale della Gioventù è il simbolo della morte e della resurrezione di Gesù Cristo. E’ il segno dell’amore e dell’amicizia, della speranza e della pace». Il decano di Daun, padre Ludwig Gödert, ha accolto con queste parole la Croce della Gmg, arrivata oggi nella parrocchia di San Tommaso Moro. E’ alta quasi 4 metri e l’hanno portata in cinque, sulle spalle.

Mancano 24 ore all’inaugurazione della XX Gmg. La croce dunque terminerà tra poco il suo “pellegrinaggio” attraverso le strade della Repubblica federale della Germania. Destinazione: Colonia. E’ partita da Dresda e in 40 giorni ha compiuto i 750 chilometri che la separano dalla meta, la città della Renania. A custodirla durante il viaggio i ragazzi delle diverse diocesi tedesche e 30 vescovi.

La “croce dei giovani”, come amava definirla Giovanni Paolo II, é stata consegnata ai giovani tedeschi la domenica delle Palme del 2003, insieme all’icona di Maria, “Salus populi romani” (Salvezza del popolo romano). «Oggi desidero affidare alla delegazione tedesca anche l’icona della Madre di Dio. A partire da oggi accompagnerà la croce», aveva spiegato Karol Wojtyla. «Sarà un segno della presenza materna di Maria a fianco dei giovani che, come l’apostolo Giovanni sono invitati ad accogliere la madre di Dio nella loro vita».

La croce crea scandalo, impone delle scelte. Anche nei giorni di festa. «In questo gemellaggio molti giovani hanno incontrato la Croce. E hanno compreso che la croce diffonde conforto e speranza», ha ricordato padre Ludwig Gödert.

11 agosto
• Il senso del gemellaggio
•A Daun il primo gruppo
•L’accoglienza delle famiglie 12 agosto
•Un tuffo nel sociale
• "Rachel, il musical"
•Il lavoro d’équipe 13 agosto
•La messa in cattedrale
•Un festival per fare comunità
•"Los Masis", la musica solidale 14 agosto
•Giorno di festa con gita 15 agosto
•Il giorno dei saluti

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi