In Duomo l’Arcivescovo ha presieduto la messa “Simbang Gabi”, per l’apertura della Novena di Natale della comunità filippina. Il suo appello: «Aiutate l’Europa a crescere in verità e carità»

di Annamaria BRACCINI

Simbang Gabi 2011

«Il cuore dell’Arcivescovo stasera è pieno di gioia nell’accogliervi in questo splendido Duomo». Lo dice il cardinale Scola – «colpito dalla vostra numerosa presenza» – rivolgendosi alle molte migliaia di fedeli filippini presenti in Cattedrale per la Messa della sera Simbang Gabi, che apre la loro Novena di Natale.

I colori ci sono tutti – soprattutto per i bambini, alcuni vestiti da Babbo o da albero di Natale -, e poi nelle bandiere (tra cui quella italiana) che sfilano prima della celebrazione, portate dalle Associazioni e comunità filippine provenienti da tutta la diocesi.

Eucaristia aperta, come tradizione, dal suggestivo canto natalizio Halina JesusVieni Gesù, e dall’altrettanto tipica accensione della prima delle nove candele della “corona” della Novena. Quella del Duomo, infatti, è la prima di nove Messe serali in preparazione al Natale, che si terranno tutte le sere fino al 23 dicembre in ciascuna delle otto comunità cattoliche che radunano i 45 mila immigrati filippini presenti a Milano. Comunità fatte in gran parte di giovani famiglie.

E, in effetti, i genitori con i piccoli sono la stragrande maggioranza. Lo nota ancora il Cardinale quando, dopo le Letture in tagalog – lingua ufficiale delle Filippine -, in inglese e in italiano, tutti gli sguardi si alzano verso il pulpito maggiore, da cui l’Arcivescovo pronuncia la sua prima omelia a questa etnia del popolo migrante che si sente ormai ambrosiana a tutti gli effetti: i “Filippini di Milano”, come è scritto su una delle loro bandiere.

E poiché il Simbang Gabi di quest’anno si proietta sul VII Incontro Mondiale delle Famiglie 2012, le parole dell’Arcivescovo sono proprio centrate sui nuclei familiari, «istituzione insostituibile per la Chiesa e la società». «La vostra è una cultura importante – prosegue Scola – che è stata tutta resa feconda dall’incontro con la fede in Gesù. Il Signore che in questi nove giorni vogliamo attendere con un cuore libero e lieto nella vigilanza piena e autentica».

E sottolineando l’unità e la coerenza tra intenzione e azione, dice: «La vigilanza chiede una partecipazione vera a ciò in cui crediamo, diventando insieme fratelli e testimoni». Il pensiero va anche a padre Fausto Tentorio, ucciso barbaramente a Mindanao, nelle Filippine meridionali, il 17 ottobre scorso, alla testimonianza che si spinge al martirio e a quella quotidiana, «dei papà e delle mamme e dei ragazzi che frequentano le scuole e le università».

Un richiamo preciso alla famiglia «centrata sul matrimonio pubblico, stabile, fedele, aperto alla vita tra un uomo e una donna. Un valore» che i fedeli filippini «portano nella nostra comunità civile». Da qui l’invito: «Testimoniate ogni giorno la bellezza della famiglia, coltivatela e non disimparatela nella nostra società». Infine l’appello: «Restate fedeli alla vostra tradizione, inserendovi sempre più nella sensibilità e nei costumi importanti del Paese che vi ospita. Aiutate l’Europa che, nella prova che tutti stiamo attraversando, a crescere sempre di più in verità e carità».

Poi, tanti gesti belli, i doni portati all’altare, il Padre Nostro cantato con le mani alzate e strette le une nelle altre, la comunione che coinvolge praticamente tutti i presenti e, alla fine, il canto dei più piccoli, mentre il Cardinale viene circondato da centinaia di bambini in vesti multicolori (uno è anche in braccio a lui). Un’immagine che è simbolo di un’amicizia che nasce e cresce nella comune fede cristiana e nella condivisione. Come dice anche Armenio Cabatan, presidente del coordinamento delle Comunità Filippine cattoliche di Milano, che ricorda come «già l’80% degli aderenti all’Associazione si siano mobiliati in vista del VII Incontro Mondiale per l’accoglienza di connazionali e famiglie provenienti dalla madrepatria».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi