Il messaggio del cardinale Scola, presidente dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori, per la Giornata dell’Università, dedicata al tema “Le nuove generazioni oltre la crisi”

del cardinale Angelo SCOLA
Presidente dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori

scola

Carissime, Carissimi,
l’inizio delle lezioni universitarie ha praticamente coinciso con un altro significativo inizio voluto da Papa Benedetto XVI per quest’anno: quello dell’Anno della Fede.

È un’iniziativa questa, in occasione del cinquantesimo anniversario dell’apertura del Concilio Vaticano II, che vuole pro-vocare tutti i cristiani, tutte le comunità e tutte le Chiese a una rinnovata confessione di fede e a una più decisa e gioiosa vita cristiana.

A cinquant’anni dall’apertura del Concilio Vaticano II è più facile per tutti noi, cattolici italiani, riconoscere la forza profetica dell’intuizione di alcuni cristiani – padre Agostino Gemelli, Ludovico Necchi, Armida Barelli, Filippo Meda ed Ernesto Lombardo – i quali il 7 dicembre 1919, con l’approvazione dell’allora Papa Benedetto XV, diedero vita all’Università con le due prime facoltà – Filosofia e Scienze Sociali -. Infatti, quarant’anni prima che il Beato Giovanni XXIII annunciasse il suo proposito di indire un Concilio ecumenico per rinnovare la Chiesa perché potesse meglio svolgere il suo compito missionario, questi uomini promossero un’opera educativa e culturale che tuttora costituisce un prezioso patrimonio per tutta la Chiesa italiana.

Siamo figli di un Dio incarnato. La passione della Chiesa perl’Università è la sua passione per l’uomo e per tutto quanto concerne l’uomo: le sue gioie e le sue fatiche, le sue speranze e i suoi dolori… Ecco perché nell’Università Cattolica del Sacro Cuore ogni aspetto della realtà è oggetto di studio, di insegnamento, di ricerca, di dialogo tra professori e studenti. La storia della nostra Chiesa e del nostro Paese non sarebbe la stessa senza il prezioso contributo dell’Università Cattolica in questi quasi cent’anni della sua esistenza.

Nella Santa Messa con i cardinali celebrata da Papa Francesco all’indomani della sua elezione, il Santo Padre ci ha richiamato a «camminare, edificare e confessare Gesù Cristo crocifisso». Ogni cristiano è coinvolto in questo cammino, in questa edificazione, in questa confessione. Al servizio di tutto ciò esiste l’Università Cattolica. Perciò ogni cattolico italiano sente con forza la propria responsabilità nel sostenere, anche economicamente, il suo operato.

Non facciamo mancare il nostro sostegno a quest’opera decisiva per la nuova evangelizzazione.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi