Alle Colonne di San Lorenzo a Milano torna la Tenda del Silenzio, decima edizione dell'incontro tra credenti, non credenti e credenti di altre fedi, promosso dai Frati e dalla Comunità di Sant'Angelo

Tenda del Silenzio 2011

Anche quest’anno una grande tenda, spoglia, provvisoria, povera sarà innalzata al centro di Milano, alle Colonne di San Lorenzo, dove chiunque potrà fermarsi in silenzio per testimoniare la propria volontà di Pace. Dal 23 al 24 settembre torna la decima edizione della Tenda del Silenzio, l’iniziativa organizzata dai Frati e dalla Comunità ecclesiale di Sant’Angelo e riproposta a credenti, a non credenti, a credenti in altre fedi di Milano, secondo quello “Spirito di Assisi” che soffia dalla città di San Francesco, dove nell’86 si tenne lo storico incontro interreligioso voluto da papa Giovanni Paolo II.

Ancora una volta, dunque, quello che si potrà udire sotto la Tenda sarà il silenzio di donne e uomini attenti, attivi, pensanti. Un silenzio denso di preghiera, rispettoso per chi non crede in nessun Dio, aperto a tutte le tradizioni religiose e ad ogni essere umano di qualunque nazione o continente. Perché quando le parole, i simboli laici o religiosi, persino le preghiere possono offendere la sensibilità dell’altro, è proprio il silenzio il linguaggio universale, lo spazio comune, il presupposto di incontro, ascolto e di confronto. L’intuizione che dal 2002 continua a ispirare questa proposta, infatti, è che nel nostro mondo, dove ogni opinione viene gridata per tacitare quelle degli altri, stare in silenzio non vuol dire mutismo privo di proposte, ma capacità di ascolto. Occhi, orecchie, cuori attenti a cogliere non solo lo smarrimento e il dolore degli altri, ma anche le loro speranze spesso racchiuse nelle storie quotidiane che non possono e non devono essere schiacciate dagli eventi della storia collettiva, dai suoi eserciti, dalla sua logica di violenza.

Lungo le due giornate la Tenda del Silenzio testimonierà la volontà di costruire relazioni umane basate sul rispetto reciproco e sulla nonviolenza, perché torni a fiorire il deserto avvelenato e violento in cui stiamo vivendo, ma in cui non vogliamo più vivere. Domenica 23 e lunedì 24 la Tenda sarà aperta dalle 16 alle ore 21. Cittadini comuni, politici, leader delle comunità religiose milanesi (cristiani, ebrei, musulmani, buddisti e induisti) e rappresentanti delle associazioni potranno sostare per qualche minuto, dimostrando con la loro semplice presenza, gli uni accanto agli altri, la possibilità di un incontro. Chi parteciperà sarà invitato anche a formulare pensieri e proposte che possano offrire lo spunto per una riflessione pubblica sul tema del dialogo, dell’ascolto, della ricerca di relazioni di pace.

Collaborano all’iniziativa: Associazione Sant Angelo Solidale Onlus, Associazione di solidarietà per la giustizia e la emocrazia in Eritrea, Associazione Mamme a Scuola onlus, Associazione senegalesi di Milano e provincia, C.A.D.R. Centro Ambrosiano di Dialogo per le Religioni, Caritas Ambrosiana, Casa della Carità, Casa della Cultura Islamica, Casa per la Pace di Milano, Comunità di S. Egidio, C.C.C Consiglio Chiese Cristiane di Milano, Comunità familiare interetnica “L’albero della macedonia ”coop. Comin, Comunità “Nevé Shalom Wahat al- Salam“, Ecumenismo e dialogo della Diocesi di Milano, Fondo Alessandro Nangeroni, Forum delle Religioni, GIFRA Gioventù Francescana, Gruppo Primomarzo Migranti, Islamic Forum Europe, Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai, Heldercamara, Libera, Mandala – Centro Studi Tibetani Milano, Medici Volontari Italiani, OFS Ordine Francescano Secolare, Pax Christi, SAE Segretariato Attività Ecumeniche, Ufficio Pastorale dei Migranti. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Comune di Milano

Info: 338.8966646; pier.igi@inwind.itpier.igi@fastwebnet.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi