Rivolto agli adolescenti, è articolato in tre incontri il sabato pomeriggio e si svolgerà dal 27 novembre in cinque sedi: Biassono, Magenta, Lecco, Milano e Venegono

di Ylenia Spinelli

cerimonieri
Qui sopra e nella minigallery, l’ultimo esame del Corso cerimonieri svoltosi a Venegono nel febbraio del 2020, poco prima del lockdown

Dopo lo stop forzato a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, pur con tutte le indicazioni sanitarie ancora necessarie, quest’anno riprende il corso cerimonieri, organizzato dal Seminario di Milano in cinque sedi diverse della Diocesi per dare la possibilità di partecipare al maggior numero di ragazzi.

Il corso è rivolto agli adolescenti delle scuole superiori, già impegnati come cerimonieri nelle rispettive parrocchie, e si articolerà in tre incontri il sabato pomeriggio dalle 15 alle 17.30 circa.

Il primo corso a partire sarà quello con sede a Biassono, sabato 27 novembre. Qui, presso l’oratorio San Luigi, verranno formati due gruppi: uno per i cerimonieri delle vicine parrocchie di rito romano e uno per i cerimonieri di rito ambrosiano. Da sabato 4 dicembre, poi, partiranno anche i corsi organizzati a Magenta, Lecco, Milano e al Seminario di Venegono Inferiore.

Si punta sulla spiritualità

I corsi saranno curati dai seminaristi di terza Teologia, con la supervisione di don Michele Galli, responsabile del Mo.Chi, il Movimento Chierichetti diocesano e direttore del mensile per i ministranti Fiaccolina.

«Rispetto agli anni scorsi, dove le lezioni erano più che altro tecniche, per spiegare come servire durante una Messa solenne con l’Arcivescovo o in occasione del Triduo pasquale – anticipa don Michele -, ora vogliamo puntare maggiormente sull’aspetto spirituale: come un cerimoniere vive la propria spiritualità e come può coordinare al meglio il gruppo chierichetti che gli è stato affidato, trasmettendo anche ai più piccoli l’importanza del servizio all’altare e dell’amicizia con il Signore Gesù».

Nessun esame finale

Non mancheranno nozioni sugli oggetti liturgici o spiegazioni su come incensare o fare l’inchino, ma gli incontri avranno un taglio più spirituale e vocazionale. Grande importanza avranno i momenti conclusivi di preghiera con i seminaristi.

«Altra novità è che non ci sarà l’esame finale, ma non per questo il corso andrà preso alla leggera – continua don Michele -. Per ottenere l’attestato di partecipazione bisognerà aver partecipato ad almeno due incontri, più quello finale del 19 marzo, che ancora dobbiamo definire se si terrà nelle singole sedi o tutti insieme, magari in Seminario».

Iscrizioni online

Sulla locandina sono indicate le date dei corsi e il numero massimo di partecipanti previsti per ogni sede. Pe questo motivo è necessario iscriversi al più presto sul portale bit.ly/corsocerimonieri oppure usando il QRcode. La quota di euro 15 si potrà versare al primo incontro.

Per i chierichetti

Nel corso dell’anno non mancheranno gli appuntamenti riservati ai più piccoli.

Sabato 4 giugno è in programma il Meeting chierichetti che si concluderà con un momento di preghiera in Duomo con l’Arcivescovo. Tra la fine di agosto e i primi di settembre ci sarà invece la “Tre giorni chierichetti” presso la casa La Montanina di Pian dei Resinelli (Lc).

«Stiamo pensando a un turno speciale per adolescenti e cerimonieri, in particolare per chi segue i gruppi musicali – anticipa don Michele -. Ho invitato don Riccardo Miolo che insegna Musicologia in Seminario e collabora con l’Ufficio liturgico della Diocesi».

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi