Teologia e saperi a confronto in un appuntamento promosso dal Meic di Milano e dall’ateneo

Cattolica

Giovedì 14 marzo, dalle 9.45 alle 17, nella Sala Negri da Oleggio dell’Università Cattolica (Largo Gemelli 1, Milano), avrà luogo il convegno “Ricchi e felici, ricchi o felici? Teologia e saperi a confronto in un tempo di crisi”. Il convegno è promosso dal Circolo “Romano Guardini” – Meic di Milano e dell’Università Cattolica, in collaborazione con il gruppo Fuci “Giuseppe Lazzati” dell’Università Cattolica, l’Associazione “L’Asina di Balaam”, Munera – Rivista europea di cultura” e il Centro Pastorale dell’Università Cattolica.

In un tempo contrassegnato da una crisi economica sistemica e di lunga durata, il convegno intende porre a tema il nesso tra ricchezza e felicità, anche attraverso un confronto con la tradizione teologica cristiana. È la ricchezza una condizione necessaria della felicità o – al contrario – un ostacolo a essa? La crisi ci renderà necessariamente meno felici o possiamo aspettarci qualcosa di diverso? A partire da queste e da simili domande, il convegno sarà l’occasione per un approfondimento del legame – in positivo o in negativo – tra ricchezza e felicità da una prospettiva plurale: dal punto di vista della teologia, dell’economia, della filosofia, dell’antropologia.

La mattinata vedrà gli interventi di Roberto Vignolo (biblista della Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale) su “Ricchezza e felicità secondo la Scrittura”, Cristina Simonelli (patrologa della Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale) su “Ricchezza e felicità: la prospettiva dei Padri” e Paolo Foglizzo (economista e teologo della rivista Aggiornamenti sociali) su “Ricchezza e/o felicità: spunti dalla vita della Chiesa”.

La mattinata si concluderà con una discussione aperta a tutti i partecipanti. Si riprenderà alle 15.30 con una tavola rotonda sul tema “Ricchi e/o felici?”, con la partecipazione di Simona Beretta (economista dell’Università Cattolica di Milano), Giuseppe Gario (presidente dell’Istituto per i Valori d’Impresa), Benedetta Giovanola (filosofa dell’Università di Macerata) e Giovanna Salvioni (antropologa dell’Università Cattolica di Milano). Seguirà discussione libera.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi