La Pastorale diocesana offre una proposta di riflessione e preghiera con un testo del Cardinale, da utilizzare nei luoghi in cui l’uomo svolge la sua attività

image

Anche quest’anno, in vista della Settimana santa, il Servizio diocesano per la Pastorale sociale e il lavoro offre una proposta di riflessione e di preghiera per il Venerdì santo nei “luoghi” di lavoro dove l’uomo è chiamato a svolgere la sua attività. A caratterizzare la proposta sono alcune parole del cardinale Carlo Maria Martini.

«La Passione di Cristo passa oggi per le case di tanti che soffrono: dei disoccupati, di coloro che pensano all’avvenire con crescente timore, dei sequestrati ancora attesi con ansia e afflizione, di coloro che furono vittime di una violenza assurda e spietata.
Ma passa anche per le case degli anziani, spremuti delle loro energie e messi da parte, in solitudine; passa per le case di coloro che attendono giustizia senza riuscire ad ottenerla, di quanti hanno dovuto, per qualunque motivo, abbandonare una patria, senza riuscire a trovarne una nuova, o a sentirsi accolti, che forse non hanno neppure una casa, e stanno magari vicino a noi.
Il mistero della croce si rinnova in tutti coloro che si sentono esclusi e che la nostra società fa sentire come tali.
Passa infine, questa Passione e questa sofferenza, per il cuore di tutti coloro che pensano che il loro sacrificio e la loro fedeltà al dovere quotidiano sia inutile, incompresa, e di questo dovere cadono vittime.
Ci sembra impossibile alle volte, leggendo i giornali, pensare che uomini tanto piccoli possano fare nel mondo un male tanto grande, eppure se ascoltiamo la lettura della Passione non è un sentimento diverso quello che ci sentiamo nascere dentro.
La Passione del Signore ci insegna non solo ad accorgerci anche di chi soffre, non solo a soccorrerlo, ma anche ad uscire dalla logica della violenza che sembra perpetuarsi nel cuore dell’uomo e della storia dell’umanità.
Un gesto di perdono e di preghiera come quello di Cristo morente e che altri ai nostri giorni cercano di rendere vivo ed operante, è una buona novella che ci aiuta a credere che il mistero del Venerdì Santo conosce ancora e sempre l’alba del giorno di Pasqua e che il Cristo non vuole aver oggi altre mani che le nostre per avere cura dei nostri fratelli»
.

All’ufficio presso la Curia arcivescovile (piazza Fontana 2, Milano), è disponibile il pieghevole del Venerdì santo per le benedizioni nelle aziende. È possibile ritirarlo tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 17.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi