In Duomo l'Arcivescovo ha acceso la fiaccola benedetta da papa Francesco, che poi ha percorso la città per trasferirsi ad Arexpo per la cerimonia inaugurale dell'Olimpiade degli oratori ambrosiani, promossa da Fom e Csi. «Con ragazzi come voi possiamo sperare in un mondo migliore», ha detto Delpini ai giovanissimi tedofori

Oralimpics

«Io vi mando. Correte per le strade di Milano, anche per quelli che non possono correre, che sono anziani e che sono malati e che non hanno la giovinezza che voi avete. Se i ragazzi sono come quelli che siete voi possiamo sperare in un mondo migliore». Con queste parole dell’Arcivescovo, monsignor Mario Delpini, è iniziata l’avventura di Oralimpics 2018, l’Olimpiade degli oratori ambrosiani promossa da Fom e Csi, in programma ad Arexpo dal 29 giugno all’1 luglio.

Questa mattina nel Duomo di Milano l’Arcivescovo ha acceso la fiaccola di Oralimpics, benedetta da papa Francesco durante il pellegrinaggio diocesano dei preadolescenti a Roma dell’aprile scorso. Monsignor Delpini ha preso la fiamma dal cero pasquale posto nel Battistero e poi, al gruppo che l’avrebbe portata di corsa per le vie di Milano – una rappresentanza di preadolescenti provenienti dall’Oratorio Sant’Andrea di Sesto San Giovanni – ha detto: «Correte fino a Oralimpics dove vi ritroverete da tanti posti per giocare, fare amicizia, conoscere l’arte di stare insieme e condividere lo sport, come un modo per essere uniti e riuscire a essere avversari che si sfidano e, insieme, amici che costruiscono la città. Lo sport è questo: si gioca, ci si sfida, si premia chi vince e poi si fa festa insieme». Alla cerimonia erano presenti il direttore della Fom don Stefano Guidi e il presidente del Csi Milano Massimo Achini.

Il percorso della fiaccola ha toccato alcuni luoghi-simbolo della città, dove i ragazzi hanno potuto raccogliere il testimone di chi si impegna per la società, visitando la sala del Consiglio comunale a Palazzo Marino con il suo presidente Lamberto Bertolé, la piazza Città di Lombardia incontrando le istituzioni di Regione Lombardia (in particolare l’assessore regionale allo Sport Martina Cambiaghi) e poi, soprattutto, entrando nel Carcere di San Vittore per incontrare il direttore Giacinto Siciliano e il cappellano don Marco Recalcati.

Nella serata del 29 giugno, cerimonia di apertura all’Open Air Theatre del parco Experience (ora Mind) di Milano, dove sono attesi gli atleti con le delegazioni provenienti da 150 oratori, ma anche i ragazzi, le famiglie, gli animatori e gli educatori dei 1000 oratori ambrosiani.

Le competizioni animeranno tutta la giornata di sabato 30, con la presenza di numerosi testimonial della manifestazione: Sandro Mazzola e Gianni Rivera, Valentina Diouf, Beppe Baresi con la figlia Regina, Francesco Messori e Antonello Riva. Accanto allo sport ci saranno momenti di gioco e di intrattenimento e occasioni di approfondimento, tra le quali particolarmente importante si segnala la presentazione del progetto OraMIformo su bullismo e cyberbullismo, sabato 30 giugno a Cascina Triulza dalle 11.30 alle 13.

Sabato sera, al termine della giornata di gare, grande festa dedicata agli atleti alla quale sarà presente anche l’Arcivescovo. Domenica mattina premiazioni ufficiali e Messa conclusiva presieduta dal Vicario generale monsignor Franco Agnesi, alla quale sono attese anche le famiglie dei giovanissimi atleti.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi