L’annuncio nella Messa in Duomo con l’Arcivescovo. Un aiuto per comprendere come vive la fede chi è originario di altre culture

Chiesa dalle genti 1

È stata celebrata questa mattina in Duomo dall’Arcivescovo Mario Delpini la Messa per la solennità di Pentecoste. Secondo una tradizione avviata da anni, la celebrazione eucaristica è coincisa con la Festa delle genti e ha coinvolto i rappresentanti delle 25 comunità di migranti presenti in Diocesi.

Al termine della Messa è stata annunciata la nascita della nuova Consulta diocesana dei migranti. Già prevista dal Sinodo 47esimo (1994), e più recentemente dal Sinodo minore “Chiesa dalle genti” (2018), la Consulta sarà composta da un presbitero e due laici per ciascuna delle sette Zone pastorali, dal responsabile e dalla segretaria dell’Ufficio per la pastorale dei migranti, da un rappresentante dei cappellani etnici e dalla moderatrice della consulta «Chiesa dalle genti».

I 14 rappresentanti laici individuati nelle varie zone pastorali per far parte della Consulta sono scelti – tra cittadini italiani e stranieri – in base alla loro sensibilità ed esperienza sui temi dell’immigrazione, dell’interculturalità e dell’integrazione, oltre che al loro effettivo inserimento nel tessuto pastorale ambrosiano. Le nomine saranno definite da un decreto firmato dall’Arcivescovo che sarà emanato nelle prossime settimane.

«La Consulta ha il compito di aiutare la Diocesi a comprendere i modi diversi di vivere la fede e di celebrarla dei fedeli cattolici che abitano sul nostro territorio ma sono originari di altri contesti culturali – sottolinea don Alberto Vitali, responsabile dell’ufficio per la Pastorale dei Migranti della diocesi ambrosiana -.  Le persone provenienti da altri Paesi che ne faranno parte interpreteranno il loro ruolo non come rappresentanti delle proprie comunità etniche, ma come fedeli ambrosiani parte integrante della Diocesi».

Gli organismi attraverso i quali la Consulta opererà sul territorio saranno le équipe zonali di Pastorale dei migranti (attualmente ne sono presenti già due, nelle Zone di Lecco e di Rho).

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi