A chi viene contattato da persone che si offrono di eseguire questi interventi si ricorda che, per i beni almeno settantennali, occorre l’autorizzazione dell’Ordinario e della Soprintendenza

di Carlo CAPPONI
Ufficio Beni Culturali, Arte Sacra e Edilizia di Culto

calice

Giunge notizia che alcuni parroci vengono contattati da persone che si offrono per opere di manutenzione ad arredi sacri metallici come calici, busti, reliquiari, candelieri e simile suppellettili.

Occorre ricordare che qualsiasi opera si ponga in essere riguardante beni con vetustà di almeno 70 anni, di proprietà dell’Ente Parrocchia, deve essere autorizzata sia dall’Ordinario, sia dalla Soprintendenza territoriale per competenza.

Spesso si tratta di truffe che espongono i beni delle Parrocchie a danni materiali e a estorsioni economiche non giustificate per l’intervento.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi