Presentato il 20 ottobre a Milano il primo volume dell’Opera omnia di Carlo Maria Martini. Interventi di padre Carlo Casalone, Guido Formigoni, Salvatore Natoli e Carlo Sini

martini

È stato presentato ieri a Milano il primo volume dell’Opera omnia di Carlo Maria Martini, un progetto promosso dalla Fondazione intitolata al cardinale insieme alla casa editrice Bompiani.

“Le Cattedre dei non credenti” – questo il tema e il titolo del primo di una serie di 18 volumi – riunisce i testi di tutti gli interventi, alcuni inediti, tenuti durante le 12 edizioni che, dal 1987 al 2002, rappresentarono un’iniziativa originale di incontro con il mondo della cultura e della scienza voluta dall’allora arcivescovo di Milano.

Dopo i saluti di Mario Andreose, direttore letterario di Rcs Libri, padre Carlo Casalone, gesuita, presidente della Fondazione Martini, ha sottolineato come questo volume potrà aiutare a meglio comprendere i criteri su cui il Cardinale fondava l’esperienza dell’ascolto e del dialogo. «Nel dialogo autentico – ha spiegato Casalone – c’è anche una perdita di qualcosa di sé: padre Martini ci ha mostrato come questo non debba essere vissuto come un’esperienza negativa, ma come via per un incontro più fecondo».

Dopo Casalone, ha preso la parola Guido Formigoni, coordinatore del comitato scientifico dell’Opera omnia, che ha illustrato l’articolazione dell’insieme del progetto, i molteplici significati di questo volume e i diversi possibili percorsi di lettura. «Non è una collezione da riporre in biblioteca – ha spiegato -, ma un libro che vuole dare freschezza all’eredità di Martini».

È stata poi la volta di due testimoni, entrambi noti filosofi, che hanno partecipato all’esperienza delle Cattedre e che, nei loro brevi interventi, hanno incrociato riflessioni teoretiche e ricordi personali.

Salvatore Natoli, dopo avere confidato che «l’incontro con Martini in occasione della Cattedra fu l’inizio di una relazione che non si è più interrotta», si è soffermato sulla natura del dialogo con i non credenti promosso dal Cardinale: non più, come nell’era preconciliare, un esercizio di apologetica per convertire l’interlocutore; e non solo, come affermato dal Concilio, un atteggiamento ispirato dalla necessità di condannare l’«errore» e non l’«errante». «Certamente Martini è stato uno dei massimi interpreti della teologia dell’ascolto promossa dal Concilio, ma ha fatto anche un passo in più, affermando che oltre il confine che ci separa dall’altro c’è un valore da riconoscere». Questo, specularmente, è anche ciò che rende interessante il dialogo per il non credente: «È il credente che inquieta, non la dottrina. Martini non voleva convertire, ma mettere l’altro davanti alla Parola, una Parola che fa bene all’uomo».

Dal canto suo, Carlo Sini ha sottolineato come il senso ultimo di questi dialoghi, la questione che il Cardinale poneva a tutti, non aveva a che fare con questioni dottrinali o teologiche, ma era una domanda molto personale: «“Dimmi chi sei”: questo in fondo era ciò che chiedeva Martini nei suoi incontri. Credo che questo nascesse dal desiderio del Cardinale di andare al fondo delle cose, di scoprire la radice comune che ci rende umani; da lì poi si possono valutare le differenze. E questa è la più alta forma di carità verso l’altro».

“Le Cattedre dei non credenti” (Prefazione di Papa Francesco, Bompiani, euro 25, pp. 1.296) arriva in libreria da domani, 22 ottobre. Può essere prenotata dal sito della Fondazione, www.fondazionecarlomariamartini.it. Sullo stesso sito, nei prossimi giorni, i video con gli interventi integrali di Casalone, Formigoni, Natoli e Sini.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi