Gioia, sapienza e resistenza: questi gli “ingredienti” che monsignor Delpini ha elencato nella favola raccontata a Martina, Chiara e Camilla, incontrate con i loro genitori in vista della festa di domenica 10 maggio

delpini

«Quella notte le bambine ebbero il permesso di entrare nei sogni della mamma…». Inizia così il racconto (in allegato) che l’Arcivescovo, monsignor Mario Delpini, ha narrato a Martina, Chiara e Camilla, durante la visita fatta alla loro famiglia in vista della Festa della Mamma (domenica 10 maggio).

Cosa c’era in quei sogni? Il papà e la mamma che, passeggiando, arrivano «a un castello enorme, con le torri, i merletti, il ponte levatoio…». Nel castello, vincendo la paura dei fantasmi, i due incontrano in successione Letizia, una bambina animata dal sorriso, Sofia, «la bambina che conosce ogni via», e Costanza, la bambina che resiste a tutte le fatiche. Infine, proprio nel momento di entrare nella stanza del tesoro, la mamma si sveglia. A colazione con le figlie, le riconosce come le tre bambine protagoniste del suo sogno. Capisce allora che la felicità esiste «se c’è la gioia, se c’è la sapienza e se c’è la resistenza». Ecco quindi l’augurio per la Festa della Mamma, espresso direttamente dalle bambine: «Noi possiamo darti la gioia, possiamo indicarti la via, possiamo sostenerti».

L’incontro si è concluso con una Ave Maria recitata insieme, «perché la mamma di tutti possa aiutare tutte le mamme».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi