Negli incontri interzonali (18, 19, 20 e 21 febbraio) sarà diffusa una lettera nella quale, tra le intenzioni dell’Arcivescovo, c'è anche la possibilità che un consigliere assuma «il compito di segretario amministrativo (economo) della comunità».

caep

In occasione degli incontri con i membri dei Consigli affari economici parrocchiali (Caep) in quattro sedi sul territorio diocesano (in allegato il programma), l’Arcivescovo consegnerà ai consiglieri una lettera nella quale scrive: «Invito a vivere anche questo servizio entro i Caep come una forma di amore alla comunità, con quello spirito di servizio e di intelligenza che ne fa una esperienza spirituale. Infatti si può crescere nella fede, nella speranza, nella carità, cioè camminare verso la santità, anche trattando di immobili, di soldi e di bilanci, perché lo Spirito di Dio effonde i suoi doni su tutti i suoi figli e in tutti gli ambiti della vita umana. Vi invito per questo ad accompagnare il vostro servizio con la preghiera».

L’Arcivescovo riconosce che «questo è forse il tempo per compiere un passaggio dall’essere collaboratori e consiglieri ad assumere personalmente responsabilità nell’amministrazione dei beni della comunità e nella gestione delle iniziative». Anche se «l’impostazione delle parrocchie richiede che il parroco sia rappresentante legale dell’ente», l’Arcivescovo ammette che «la forma e il carico di lavoro connesso con la rappresentanza legale può assumere forme diversificate». Tra i membri dei Caep potrebbe esserci quindi – secondo le intenzioni dell’Arcivescovo – chi assuma «il compito di segretario amministrativo (economo) della comunità».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi