Il Cardinale ha presieduto in Duomo la Celebrazione eucaristica nella Solennità della Divina Maternità di Maria.”Il Signore incarnato è ormai alle porte”

di Annamaria BRACCINI

Annunciazione

«La vita che è vocazione, chiamata del Signore in ogni momento, anche nei più difficili».

Il Cardinale conclude il percorso della predicazione di Avvento, con la Celebrazione nella VI domenica. Animano la liturgia in Cattedrale, il Movimento dei Focolari, il Cammino Neocatecumenale, l’Apostolato della Preghiera e l’Associazione “Sposi di Cristo”, settemila i fedeli presenti: in totale per tutto il periodo d’Avvento sono stati oltre cinquantamila. La Solennità della Divina maternità di Maria è segno che il “Figlio di Dio incarnato è ormai alle porte, che il Signore è vicino».

E, allora, l’attesa si deve vedere dai nostri volti che si illuminano quando si incontra una persona amata, ma questa stessa attesa deve essere sopratutto nel profondo del nostro io, proprio perché il Salvatore “è più intimo a me di me stesso”, come scrive Agostino nelle Confessioni.

Come Maria – nota, allora, l’Arcivescovo – dobbiamo dire il nostro sì, simbolo di “adesione libera e totale”. Sì, contro ogni scetticismo come fu quello di Zaccaria all’annuncio della nascita di suo figlio, il Battista; sì, oggi come duemila anni fa nel piccolo paese di Nazareth, in Galilea, terra non amata dagli ebrei osservanti di rango elevato nella società come appunto Zaccaria.

Eppure quella ragazza, giovane, non appartenente a una famiglia sacerdotale, segna per sempre il progetto salvifico di Dio, diventandone lo strumento pieno, insieme, di Grazia e di umanità. Maria, Madre di Gesù e nostra, appunto «la piena – per meglio dire, riempita – di grazia», che sceglie di essere ’la serva del Signore’, chiamata a collaborare liberamente al Suo progetto.

Infatti, se «l’iniziativa di Dio e il consenso umano sono essenziali alla realizzazione del disegno d’amore divino, nella vita cristiana grazia e libertà sono sempre in gioco, insieme, senza escludersi l’una l’altra, anzi potenziandosi reciprocamente», sottolinea Scola.

«Avviene una cosa simile anche nella nostra quotidiana esistenza», aggiunge. «Ogni rapporto, ogni circostanza che la Provvidenza di Dio pone sul nostro cammino – anche quelle che non possiamo o non riusciamo a capire e che costituiscono una prova – sono una chiamata del Signore che ci invita a coinvolgerci con Lui. La vita, infatti, è in se stessa, in ogni circostanza e rapporto, vocazione, anche se spesso come cristiani lo dimentichiamo. Siamo chiamati a rispondere”.

Un’evidenza pienamente condivisibile anche da chi non crede, “che può comprendere che il quotidiano assume una ben diversa e più profonda prospettiva se ci si lascia interpellare dalla realtà per collaborare ad un disegno comune buono”. Quello, suscitato da Gesù, al quale tendiamo nel desiderio profondo del cuore che spalanca ognuno di noi al compimento definitivo, alla riuscita, alla santità.

«Attraverso i bisogni materiali rettamente vissuti si è condotti, così, a riconoscere la necessaria e insostituibile dimensione spirituale della nostra esistenza. Di questa verità, svelataci in pienezza dal Dio-Bambino, ognuno può fare esperienza soprattutto se condivide il bisogno degli altri e lo fa preferendo i poveri. Dal sì coraggioso ed amoroso della Vergine al mistero del Dio incarnato sgorga uno stile di vita che ci fa compagni di strada di tutte le donne e di tutti gli uomini», scandisce il Cardinale.

Da qui il monito che si fa indicazione su come vivere compiutamente soprattutto i prossimi giorni. «Ecco il grande punto, superare l’estraneità con cui spesso viviamo i rapporti quotidiani è possibile ed è alla nostra portata. Occorre però un cuore semplice ed aperto, come quello della Madonna. Un cuore che attende dalla realtà un invito a ricominciare. Spesso siamo incapaci di rapporti veri ed intensi perché non accogliamo questo invito, dietro al quale, c’è il Dio che si è fatto uomo per amore dell’umana famiglia, di ciascuno di noi, amati a uno a uno in modo singolare”.

Un amore grande come quello del Signore – verrebbe da dire –, merita questo e altro: anzitutto, la nostra letizia, come scrive Paolo e, poi, di correre incontro al Bambino, “fedeli nella preghiera quotidiana, solerti e ben preparati nell’accostarci al Sacramento della Riconciliazione, in attesa della Santa Messa di Natale, aperti all’ospitalità”.

Il richiamo è anche al’iniziativa di Caritas ambrosiana che rende possibile il contatto tra chi vuole offrire un pranzo nelle feste e chi è in difficoltà.

L’esortazione è comunque per tutti i battezzati, ma “allargata” a quanti sono alla sincera ricerca di un senso adeguato di vita. «Provino – dice l’Arcivescovo –, a varcare la soglia della Chiesa”, magari nella Messa di Mezzanotte, alla quale il Cardinale invita tutti, anticipando gli auguri di Natale.

Tornano alla mente le parole di papa Francesco, in “Evangelii gaudium”, che il Cardinale cita: “La preghiera di materna di Maria ci aiuti affinché la Chiesa diventi una casa per molti, una madre per tutti i popoli e renda possibile la nascita di un mondo nuovo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi