La 45� edizione della Settimana sociale su «Il bene comune oggi: un impegno che viene da lontano» a Pisa e Pistoia. Per il Papa se «da una parte» la Chiesa «riconosce di non essere un agente politico, dall'altra non può esimersi dall'interessarsi del bene dell'intera comunità civile, in cui vive ed opera, e ad essa offre il suo peculiare contributo formando nelle classi politiche e imprenditoriali un genuino spirito di verità e di onestà». E' invece «compito proprio dei fedeli laici» operare «per un giusto ordine nella società». Il Pontefice ha inoltre rilevato che «la società del nostro tempo ha di fronte molteplici emergenze etiche e sociali in grado di minare la sua stabilità e di compromettere seriamente il suo futuro». Particolarmente attuale «la questione antropologica, che abbraccia il rispetto della vita umana e l'attenzione» per la «famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna». «Non si tratta di valori e principi solo cattolici», ha precisato il Pontefice, «ma di valori umani comuni da difendere e tutelare, come la giustizia, la pace e la salvaguardia del creato». Mons. Bagnasco: «Continueremo a mettere al centro la questione antropologica, grazie all'apporto insostituibile del Progetto culturale così da offrire a tutti un contributo di proposta, di chiarezza, di serenità» e da «contribuire allo sviluppo di un ethos condiviso», come promesso un anno fa a Verona. Tra i «volti della questione sociale», anche Bagnasco ha ricordato le «pressanti urgenze legate ai problemi del lavoro e della casa». � Riccardi: ripartire dalle idee � L'intuizione di Toniolo � Lo spirito delle origini � Riflessioni sul bene comune � Vai al sito ufficiale


Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi