Quattro incontri sul tema «La vita si spinge verso una felice rinascita. Percorsi di riflessione e testimonianza in vista della Pasqua». Tra gli ospiti il Vicario apostolico dell'Anatolia, monsignor Paolo Bizzeti

Bizzeti5_I_58717286 Cropped
Monsignor Paolo Bizzeti

In occasione della Quaresima 2019 il Centro di cultura e animazione missionaria Pime di Milano propone un ciclo di incontri sul tema «La vita si spinge verso una felice rinascita. Percorsi di riflessione e testimonianza in vista della Pasqua» presso la propria sede (via Mosè Bianchi 94, Milano). Ecco il programma.

Mercoledì 20 marzo, ore 21: «Missione Zamboanga», con padre Nevio Viganò. Per 18 anni padre Nevio Viganò, missionario del Pime, ha vissuto a Zamboanga, in una delle regioni più povere e pericolose dell’isola di Mindanao, nelle Filippine. Qui ha cercato di portare aiuti concreti, ma anche di promuovere diritti e giustizia. Un posto difficile e pericoloso, dilaniato da un conflitto tra l’esercito e gli indipendentisti musulmani che dura da quarant’anni e che ha fatto più di 150 mila vittime. Anche tre missionari del Pime – Tullio Favali, Salvatore Carzedda e Fausto Tentorio . hanno dato la loro vita per questa terra e la sua gente. Padre Nevio è stato costretto a muoversi con una scorta: «Povertà dilagante, mancanza di assistenza medica, rapimenti specialmente di stranieri a scopo di riscatto, gruppi armati che pretendono di amministrare arbitrariamente la giustizia nella totale impunità, presenza di gruppi di estremisti islamici… Però, a Zamboanga e Mindanao, ci sono anche le straordinarie bellezze naturali e l’eccezionale ricchezza di gruppi etnici, culture e religioni diverse che vivono insieme».
Nel corso della serata verrà presentato il libro del giornalista Gerolamo Fazzini Una fedeltà a caro prezzo (Emi), cinquant’anni di Pime nelle Filippine

Mercoledì 27 marzo, ore 21: «Noi, cristiani di Turchia, tra resistenza e accoglienza», con monsignor Paolo Bizzeti (vicario apostolico d’Anatolia). «Siamo in un crocevia da cui nessuno può prescindere, al confine tra Oriente e Occidente, dove i problemi dei modelli di civilizzazione e della convivenza tra le fedi sono al centro dell’attenzione. Una Chiesa di minoranza, dispersa su un territorio vastissimo, che ora apre le porte a masse di rifugiati». Monsignor Bizzeti, gesuita italiano e biblista appassionato, è dal primo dicembre 2015 vicario apostolico dell’Anatolia, a Iskenderun, nel cuore della Turchia, dove venne ucciso il suo predecessore, monsignor Luigi Padovese. «Sul piano della fede, essere una piccola minoranza in un contesto musulmano in un’escalation di autoaffermazione è una provocazione, che costringe a comprendere meglio che cosa ha il Vangelo da dire a ogni uomo».
Qui l’intervista per Mondo e Missione curata da Chiara Zappa, autrice di Mosaico Turchia (ed. Terrasanta), che introduce e modera la serata.

Mercoledì 3 aprile, ore 21: «Brasile: Chiesa di frontiera», con monsignor Adolfo Zom (vescovo di Alto Solimões, al confine con Colombia e Perù)

Mercoledì 10 aprile, ore 21: «L’Amazzonia non è verde», spettacolo narrativo di Andrea Zaniboni.

Info: tel. 02.43822317; promozione@pimemilano.com; www.mondoemissione.it; www.pimemilano.com

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi