Scomparso a 81 anni dopo una lunga malattia, diresse la Sala stampa vaticana dal 1984 al 2006. I funerali venerdì 7 luglio nella Basilica di Sant’Eugenio

Joaquin Navarro-Valls
Joaquin Navarro-Valls

È morto ieri dopo una lunga malattia Joaquín Navarro-Valls, direttore della Sala stampa vaticana dal 1984 al 2006. Nato a Cartagena il 16 novembre 1936, Navarro-Valls è legato, in modo particolare, al pontificato di Giovanni Paolo II. Ha rassegnato le dimissioni dall’incarico di direttore della Sala stampa vaticana l’11 luglio 2006.

I funerali si svolgeranno domani presso la Basilica di Sant’Eugenio (viale delle Belle Arti 10), dove da oggi alle 16, in sacrestia, sarà esposta la salma. Le esequie saranno celebrate da monsignor Mariano Fazio, vicario generale della prelatura dell’Opus Dei, di cui Navarro era membro numerario.

In una recente intervista ad Avvenire così Navarro parlava di salute e malattia: «La malattia – che, paradossalmente, è l’esperienza umana più universale – è una provocazione che si presenta sempre con quelle due domande inevitabili: perché questa malattia? E perché a me? In un modo o nell’altro coinvolge non soltanto il malato, ma tutta la sua famiglia. E spetta a tutti noi, quelli non coinvolti direttamente nel mondo della sofferenza, di penetrare in quel mondo della malattia altrui per aiutare, condividere ansietà e dolori, per far sì che alla malattia degli altri non si aggiunga la tremenda sciagura della solitudine. Non possiamo voler ignorare i bisogni degli altri soltanto perché, per adesso, io sono sano. Nessuno merita la salute, così come nessuno merita la malattia».

I tweet di Greg Burke

L’attuale direttore della Sala stampa vaticana Greg Burke ha voluto ricordare il suo predecessore con due tweet. Nel primo scrive: «Joaquin Navarro. Riposa in pace. La grazia sotto pressione». Nel secondo, alla scritta «Joaquin Navarro. 1936-2017. Continua a sorridere», è allegata una foto dell’ex portavoce vaticano sorridente insieme a Giovanni Paolo II.

Giuliodori: «Tempestivo, essenziale ed efficace»

«Tempestivo, essenziale ed efficace»: così monsignor Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, ricorda Navarro-Valls.

Giuliodori ha avuto modo di collaborare spesso con lui nei dieci anni (1998-2007) in cui è stato direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali e portavoce della Cei. «Ho sempre apprezzato – dice – la sua persona e il suo modo di comunicare che posso riassumere in tre caratteristiche: tempestivo, essenziale, efficace. Tempestivo, perché in tutte le situazioni, dalle più agevoli alle più delicate, i suoi interventi erano sempre puntuali e mai elusivi. Essenziale, perché era capace, con raffinata competenza giornalistica, di riassumere comunicazioni complesse in poche e chiare parole. Efficace, perché dava sempre agli operatori dei media informazioni utili e interessanti, anche per la garanzia e l’autorevolezza del filo diretto che aveva con i Pontefici con cui ha collaborato».

In particolare, monsignor Giuliodori ricorda «la delicatezza e la prontezza, quando dal Palco di Tor Vergata mi autorizzò a rilasciare la dichiarazione, in quanto ero il portavoce di quell’evento, circa la presenza di oltre 2 milioni di giovani riuniti per la Gmg del 2000 con San Giovanni Paolo II». Con «il suo stile sobrio e signorile – conclude il vescovo – è stato un vero maestro nel suo campo e un servitore intelligente e fedele della comunicazione della Santa Sede».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi