Le proposte per l’animazione. Dal 3 novembre disponibili Calendario e sussidio

Calendario Avvento Fom 2011

“Il segreto dov”è?” è il tema dell’Avvento Fom 2011, ulteriore tappa del percorso di animazione dell’anno oratoriano “Creando e Ricreando” che rilegge con attività, iniziative e proposte la prima catechesi preparatoria del VII Incontro Mondiale delle Famiglie, dal titolo Il segreto di Nazareth («Ecco il mistero profondo di Nazareth: Gesù, la Parola di Dio in persona, si è immerso nella nostra umanità…»).

Continua dunque la proposta di un’animazione “permanente” dell’oratorio, affinché i ragazzi, in vista del Natale, possano vivere il loro tempo libero nella dimensione della festa, insieme ai loro amici e agli educatori, in un ambiente che sia per loro “casa” accogliente. Tutto il “buono” che i ragazzi possono fare “creando” – nell’impegno della vita quotidiana – in oratorio può essere valorizzato e celebrato come stile da consolidare per il futuro: la crescita dei ragazzi nella vita buona del Vangelo può diventare così segno della novità gioiosa che l’incarnazione di Gesù ha portato con sé “ricreando”.

Nel Tempo di Avvento la proposta “Creando e ricreando” si sviluppa mettendosi alla ricerca di un segreto che può essere svelato solo contemplando il mistero di Nazareth, lasciandosi guidare dal testo della prima catechesi: «Il mistero di Nazareth ci dice in modo semplice che Gesù, la Parola che viene dall’alto, il Figlio del Padre, si fa bambino, assume la nostra umanità, cresce come un ragazzo in una famiglia, vive l’esperienza della religiosità e della legge, la vita quotidiana scandita dai giorni di lavoro e dal riposo del sabato, il calendario delle feste…».

Anche i ragazzi sono chiamati a crescere come è cresciuto Gesù, dimostrando di vivere già fin d’ora “a immagine di Dio”. Lo potranno fare se per loro si costruisce un contesto favorevole e contagioso che è innanzitutto la famiglia in cui abitano; ma anche gli ambienti che frequentano quotidianamente:, la scuola, la società sportiva, il gruppo degli amici e l’oratorio. L’oratorio dunque si fa “famiglia” invitando innanzitutto gli educatori, gli animatori e i genitori ad assumere per primi «uno stile capace di accogliere e generare» per ritrasmetterlo poi ai più piccoli. A tutti, insieme, si chiederà di mettersi alla ricerca di alcuni “segreti” che rendono la vita “buona”, così come Dio l’ha voluta quando ha disposto tutte le cose “creando”.


Le settimane di Avvento in oratorio

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi