Un “momento forte” in cui fare sintesi del cammino fissando lo sguardo in particolar modo sui Sacramenti, per approfondirne il senso profondo e per offrire ulteriori spunti per la vita spirituale dei ragazzi

di don Cristiano MAURI
Comunità pastorale “Santo Crocifisso” - Meda

Don Cristiano Mauri

L’esperienza del “Camp dell’Iniziazione cristiana”, iniziativa della Comunità Pastorale Santo Crocifisso in Meda, è nata nel corso dell’anno pastorale 2012-2013 ed è attualmente rivolta ai ragazzi che già hanno ricevuto la Prima Comunione e si preparano alla Cresima. Si tratta di cinque giornate, in contemporanea all’oratorio estivo, gestite dalle catechiste secondo le loro disponibilità e da alcuni animatori, sotto la guida del responsabile dell’Iniziazione cristiana.

Durante il Camp, i ragazzi vengono condotti a rivivere la settimana di Gesù a Gerusalemme, dall’ingresso alla domenica di Resurrezione, approfondendo i contenuti pasquali e i loro risvolti sacramentali. Tutto questo attraverso gli appuntamenti quotidiani di preghiera comunitaria, i momenti di lectio condivisa sui testi evangelici, la preparazione di una liturgia comune da vivere con i genitori attraverso alcuni laboratori manuali, la rilettura del proprio quotidiano messo a confronto con alcuni personaggi evangelici minori, la traduzione in gioco dei contenuti formativi, e un minipellegrinaggio a un luogo significativo.

L’idea è nata sulla scia di un percorso di progressivo rinnovamento della catechesi, all’interno del quale erano emerse tre forti esigenze alle quali le iniziative già previste non sapevano dare adeguata risposta. Anzitutto la necessità di un “momento forte” in cui fare sintesi del cammino fissando lo sguardo in particolar modo sui Sacramenti, per approfondirne il senso profondo e per offrire ulteriori spunti per la vita spirituale dei ragazzi. In seconda battuta l’opportunità per le catechiste di un tempo più disteso e unitario rispetto a quello spezzettato degli appuntamenti periodici della catechesi, per approfondire la relazione coi ragazzi soprattutto in termini informali.

Infine, l’intenzione di far sperimentare un tempo di vita comune (per quanto parziale e limitata) esplicitamente centrata attorno a Gesù e alla Sua Parola, da Lui convocata, accompagnata e nutrita, chiaramente distinta da altre esperienze originate da diversi bisogni o obiettivi.

 
 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi